Venerd́ 28 Febbraio12:57:59
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rimini, una mappa delle opere d'arte in 'esilio' fuori dalla città

Cultura Rimini | 16:34 - 07 Marzo 2015 Rimini, una mappa delle opere d'arte in 'esilio' fuori dalla città

Una mappa dell'arte riminese in esilio da comporre grazie all'aiuto di studiosi e storici che si sono occupati degli artisti cittadini o delle opere che erano conservate in chiese e palazzi di riminesi. Questo il piano dell'Amministrazione della città romagnola anche alla luce del ritorno in Romagna dell''Unzione di Cristo' di Benedetto Coda, recentemente acquisito dalla Fondazione Cassa di Risparmio e destinato a essere depositato presso il Museo della Città. Per questo, spiega una nota dell'assessore comunale alla Cultura Massimo Pulini, "da oggi l'ufficio dei Musei Comunali inizia a raccogliere segnalazioni e, a sua volta, fornirà informazioni, a chiunque volesse contribuire a istituire" la lista dell'arte riminese in esilio con l'intenzione "di predisporre un sito web specifico che si ponga da presidio informativo e di studio, dedicando una particolare attenzione anche alle opere che transitano o che sono state battute nelle aste nazionali o internazionali del settore". Nel mese di maggio l'Unzione di Cristo' dipinta da Coda, "intimamente ispirata al modello della 'Pietà' di Giovanni Bellini, sarà visibile a tutti venendo posta in una sala dedicata alle opere dell'importante bottega riminese dei Coda. Saranno ospitati temporaneamente anche altri dipinti di Benedetto e di Bartolomeo attualmente posseduti da collezioni private e gallerie antiquarie". Quindi, spiega ancora la nota, "l'amministrazione, sulla traccia del felice esito di questa collaborazione, che ha permesso di far ritornare, in Italia e nel suo luogo di origine, un tassello fondamentale del disgregato mosaico storico dell'arte riminese, ha deciso di approntare una lista delle opere d'arte collegate alla storia della nostra città, che si trovano attualmente in altre parti del mondo".