Venerd́ 30 Settembre17:10:13
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rapinatori ultracinquantenni di banche in manette, uno era solito spostarsi in treno

Cronaca Rimini | 12:40 - 28 Gennaio 2015 Rapinatori ultracinquantenni di banche in manette, uno era solito spostarsi in treno

Due brillanti operazioni della Squadra Mobile di Rimini hanno portato all'arresto di due singoli rapinatori di età superiore a 50 anni, in azione rispettivamente a Rivazzurra e a Miramare. 


L'autore del colpo alla Banca Carim di Rivazzurra del 5 gennaio scorso è un 54enne di Torino, residente in Provincia di Perugia. Era entrato con il volto scoperto e millantando il possesso di un'arma. Dai cassieri si era fatto consegnare circa 2700 euro. La Polizia Scientifica ha subito acquisito il materiale delle telecamere di sorveglianza, ricavando un'immagine divulgata immediatamente tramite i canali delle forze dell'ordine. Una risposta positiva è arrivata dalla Squadra Mobile di Torino. L'uomo è stato responsabile di una rapina in banca effettuata alla vigilia di Natale: l'arresto convalidato con scarcerazione immediata e obbligo di firma, obbligo che non ha rispettato ed è stato così denunciato. Il 54enne era solito effettuare diversi spostamenti in treno, avendo cura di spegnere il cellulare per evitare di farsi rintracciare durante i movimenti.  Quando le forze dell'ordine hanno inizato a seguirlo hanno scoperto che, nel frattempo, il 22 gennaio aveva effettuato un'altra rapina, con lo stesso modus operandi di Rimini, presso la sede di Ancona del Monte dei Paschi. E' stato fermato dalla Mobile di Palermo lunedì mattina in località Isola delle Femmine in un residence.


Il secondo arrestato ha invece effettuato una rapina alla filiale di Miramare della Banca di Rimini nel gennaio 2013.  Due anni fa l'uomo, un 50enne napoletano, era entrato con un complice nella filiale di Miramare della Banca di Rimini. Aveva bloccato i clienti mentre l'altro malvivente, armato di cutter, aveva scavalcato il bancone e si era fatto consegnare i soldi, circa 10mila euro. L'impianto di videosorveglianza ha dato elementi preziosi per l'identificazione del rapinatore. E' stato infatti riconosciuto dalla Squadra Mobile di Ravenna in quanto autore di una rapina in banca avvenuta il 6 maggio 2013 con un altro complice. Fermati e poi scarcerati dalla Polizia. Il 50enne è stato arrestato il 31 dicembre 2014 a Napoli. La Squadra Mobile è alla ricerca del complice della rapina di Rimini che non è stato ancora identificato. 




Vedi notizia precedente

< Articolo precedente Articolo successivo >