Sabato 05 Dicembre04:13:16
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rimini, il Comune soccorre gli inquilini che non possono pagare l'affitto: ecco come

Ambiente Rimini | 13:36 - 19 Novembre 2014 Rimini, il Comune soccorre gli inquilini che non possono pagare l'affitto: ecco come

La Giunta comunale di Rimini  ha approvato, nel corso dell'ultima seduta, l'avviso pubblico per l'individuazione dei beneficiari del "Fondo per inquilini morosi incolpevoli".  Si tratta di un'istruttoria pubblico attraverso la quale il Comune di Rimini mette a disposizione più di 160mila euro di risorse ministeriali, a sostegno di quegli inquilini impossibilitati al pagamento del canone locativo per sopravvenuta impossibilità economica, causata da perdita o riduzione del lavoro, cassa integrazione, cessazione di attività libero professionale o malattia grave.


Il contributo massimo attribuibile per sanare i singoli casi di morosità incolpevole non potrà superare gli 8mila euro. Tra i criteri di selezione verrà data priorità a nuclei famigliari con la presenza di disabili (non inferiori al 74%), di persone anziane (oltre i 74 anni), di minori, di persone seguite dai servizi socio assistenziali.


Le domande di partecipazione potranno essere compilate unicamente sui moduli predisposti dal Comune di Rimini, a partire dal 24/11/2014 e consegnate 


-  o autonomamente, scaricando la modulistica a questo indirizzo e consegnandola o direttamente, o per posta all’ U.O. Gestione Alloggi Edilizia Pubblica e Sociale - Comune di Rimini - Via Rosaspina n. 21 47923 Rimini, o a mezzo fax (0541/704703), o per posta certificata all'indirizzo pec direzione4@pec.comune.rimini.it

- o attraverso la compilazione assistita della domanda rivolgendosi al servizio front-office dell'ufficio preposto sito in Via Rosaspina n. 21 (aperto il mercoledì e il venerdì dalle 9 alle 13 e il martedì dalle 14.30 alle 16.30) oppure telefonando al numero 0541/704721.




"Con l'approvazione dell'avviso pubblico - commenta Gloria Lisi, Vicesindaco del Comune di Rimini con delega alle politiche abitative - andiamo a dare sostanza ad interventi e risorse per arginare una problematica sociale in evoluzione, come quella della morosità incolpevole. La precarietà abitativa è un'altra faccia della crisi economica; chi infatti vive le difficoltà economiche a causa della perdita del lavoro, in mancanza di una rete famigliare o sociale, rischia gradualmente di scivolare verso situazioni anche di emergenza abitative. Queste risorse servono proprio per supportare gli inquilini in queste difficili fasi di transizione.”.