Sabato 28 Novembre17:54:42
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Barafonda e San Giuliano basta allagamenti: arriva la pompa idrovora

Attualità Rimini | 12:19 - 04 Novembre 2014 Barafonda e San Giuliano basta allagamenti: arriva la pompa idrovora

E’ stato aggiudicato in via provvisoria alla Società CBR (Cooperativa braccianti riminese) la realizzazione dell’impianto idrovoro di sollevamento di via Carlo Zavagli, facente parte dell’intervento complessivo denominato Risanamento fognario Rimini Isola.

“Si tratta di un’opera fondamentale per risolvere i problemi di allagamento della zona bassa di San Giuliano, conosciuta da tutti come la Barafonda – spiega l’assessore all’Ambiente Sara Visintin – Non è un segreto che sia una di quelle zone che più di altro è soggetta ad allagamenti e disagi in occasioni di piogge abbondanti o di fenomeni temporaleschi di grande intensità, purtroppo sempre più frequenti”. Questa opera arriva a conclusione dei lavori di “Rimini Isola”, il primo degli undici interventi del Piano di salvaguardia della balneazione ad essere completato e che mirava al recupero e al trattamento delle acque reflue attraverso la realizzazione di nuovi tratti di fognatura e impianti per la captazione delle acque. “La realizzazione dell’impianto di sollevamento di via Carlo Zavagli servirà dunque a completare il quadro degli interventi di risanamento fognario dell’intero quartiere, che sarà dunque migliorato non solo dal punto di vista ambientale, ma anche sotto il profilo strettamente idraulico” sottolinea l’assessore Visintin. 

L’intervento riguarda solo le acque meteoriche, che attraverso questo nuovo impianto idrovoro posizionato nell’area verde di via Zavagli saranno allontanate direttamente nel Fiume Marecchia. 

L’importo complessivo dell’appalto, interamente a carico dell’Amministrazione Comunale, è di circa 1.050.000 euro. L’aggiudicazione dei lavori è avvenuta secondo il criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, che teneva conto, oltre all’offerta economica vera e propria, anche delle proposte migliorative legate alla riduzione dei tempi di esecuzione dell’appalto, alle modalità di esecuzione dei lavori, e l’organizzazione del cantiere in relazione all’interferenza con la viabilità e le attività turistiche. La ditta aggiudicataria ha proposto una riduzione dei tempi di esecuzione di 2 mesi rispetto ai 10 mesi previsti in progetto.

I lavori dovrebbero partire tra la fine di dicembre e l’inizio di gennaio per concludersi entro 8 mesi e riguarderanno la zona di Via Zavagli posta a mare del ponte di Via Coletti fino all’incrocio con via Ortigara. Via Carlo Zavagli sarà interessata dai lavori esclusivamente nel tratto compreso tra l’area verde in fregio al Deviatore Marecchia e l’inizio di via Ortigara (zona piazzetta della balena) in cui sarà comunque garantito il transito veicolare per tutta la durata dei lavori.