Mercoledý 28 Luglio02:21:13
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Crisi: aumentano a Rimini i veicoli abbandonati in parcheggi pubblici o strade

Attualità Rimini | 12:02 - 13 Giugno 2014 Crisi: aumentano a Rimini i veicoli abbandonati in parcheggi pubblici o strade

Ad un dato ancora parziale, e riferito ai primi 5 mesi dell’anno, nel 2014 risultano già in considerevole aumento l’abbandono dei veicoli da rottamare. Sono infatti al momento già 17 i veicoli segnalati, contro i 7 (durante tutto l’anno) totali del 2013. Anche l’abbandono incontrollato di rifiuti, compresi i veicoli a motore, fa già registrare nella prima metà del 2014 un numero di infrazioni piuttosto elevato, 15, un numero che già supera il totale di quelle del 2012 (14) e del 2011 (3), ed in grado di avvicinarsi al picco del 2013, dove alla fine dell’anno si contarono ben 56 infrazioni.

In generale i numeri evidenziano un aumento delle sanzioni a carico di abbandono di rifiuti legati ad un uso quotidiano e domestico, e non solo quelli più noti e conosciuti dovuti a smaltimento di rifiuti tossici od industriali. È innegabile il rapporto di questi dati con le conseguenze della crisi economica. Aumenta ad esempio l’abbandono di auto, e non solo in greti di fiume o zone abbandonate, ma nelle strade, nei parcheggi pubblici. Le crescenti difficoltà economiche portano i proprietari di veicoli vecchi o comunque da riparare a dismettere per vie illegali i propri mezzi per evitare le spese di smaltimento obbligatorie per legge. 

“Per completare il quadro è però doverosa anche un’altra lettura del fenomeno- osserva l’Amministrazione provinciale di Rimini-. I numeri in aumento delle sanzioni testimoniano anche del crescente impegno in materia di prevenzione da parte dei diversi soggetti preposti ai controlli, in particolare il Corpo Forestale dello Stato, la Guardia di Finanza, ARPA (Agenzia Regionale Prevenzione Ambiente) e i corpi di Polizia Comunale. Questi numeri indicano un fenomeno in piena evoluzione che andrà attentamente monitorato anche nel prossimo futuro.”.

< Articolo precedente Articolo successivo >