Giovedý 05 Agosto04:53:01
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rimini: "Bimbingamba", quattro volontari per regalare una speranza a tre ragazzi senegalesi

Sociale Rimini | 11:29 - 07 Giugno 2014 Rimini: "Bimbingamba", quattro volontari per regalare una speranza a tre ragazzi senegalesi

L'Assessore Irina Imola ha ricevuto venerdì pomeriggio in Residenza Comunale tre giovanissimi senegalesi (due ragazzi di 7 e 13 anni e una ragazza di 17 proveniente dalla città gemella di Ziguinchor) venuti appositamente in Italia su invito del Centro RTM Ortopedia Personalizzata di Budrio per essere sottoposti all'applicazione di una protesi ortopedica e permettere in tal modo il loro recupero e reinserimento nella società.

Il progetto benefico è stato attivato da quattro volontari di Rimini, i fratelli Maurizio e Stefano Trovanelli, Gabriele Spadoni e il medico Michele Sintini, Direttore dell'U.O. di Neuroradiologia presso l'Ospedale Infermi di Rimini, in stretta collaborazione con l'Associazione "Alex Zanardi" Bimbingamba di Budrio, il Centro RTM Ortopedia Personalizzata di Budrio e il Comune di Rimini.

La prima fase del progetto ha visto i quattro volontari impegnati in un raid motociclistico in Africa (Marocco, Mauritania, Senegal) dal 24 ottobre all'11 novembre scorso. Nel corso del loro viaggio i volontari, su segnalazione delle autorità sanitarie locali, hanno documentato le condizioni di diversi bambini che hanno perso uno o più arti a causa di incidenti, malattie o per lesioni provocate da esplosioni o armi da fuoco in zone di guerra.

Tutto il materiale prodotto è stato poi sottoposto allo studio dei sanitari e dei tecnici del Centro RTM, che hanno inserito nel progetto Bimbingamba dell'Associazione Alex Zanardi cinque bambini tra cui i tre giovani senegalesi che sono stati i primi beneficiari di questa azione.

< Articolo precedente Articolo successivo >