Domenica 01 Agosto09:30:56
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Servizi per l'infanzia, 645mila euro dalla Provincia. Presto il nuovo nido di Poggio Torriana

Scuola Rimini | 13:00 - 04 Giugno 2014 Servizi per l'infanzia, 645mila euro dalla Provincia. Presto il nuovo nido di Poggio Torriana

La Giunta provinciale di Rimini ha approvato, in seduta odierna, le linee di indirizzo per la concessione di finanziamenti finalizzati a favorire e sostenere la qualificazione ed il miglioramento dei servizi rivolti ai bambini della fascia 0-6 anni. Si tratta in particolare di servizi educativi per la prima infanzia (nidi, spazi bambino, Centri per bambini e genitori, piccoli gruppi educativi) e scuole dell’infanzia.
Gli interventi rientrano nel quadro delle azioni sostenute dalla Regione Emilia Romagna nell’ambito della LR 1/00ssmmii e LR 26/01 per le quali sono state stanziate a favore del territorio della provincia di Rimini risorse per complessivi 645.000,00 Euro.
In provincia di Rimini sono 2109 i posti disponibili nei servizi educativi per la prima infanzia (pubblici e privati autorizzati) e 350 le sezioni di scuole dell’infanzia (statali, comunali e private paritarie). Di recente è stato inaugurata una nuova struttura di nido (30 posti) dal Comune di San Leo così come è in dirittura d’arrivo il micro-nido del nuovo Comune di  Poggio-Torriana; interventi, entrambi,  sostenuti dalla Provincia di Rimini attraverso i fondi della Regione Emilia Romagna che hanno portato alla creazione di ulteriori 43 posti.



 
Risorse importanti - spiega l’Assessore all’istruzione della Provincia di Rimini, Meris Soldati - che da anni, attraverso una programmazione condivisa con il territorio, la Provincia di Rimini mette a disposizione dei servizi per l’infanzia. Servizi che, nonostante le grosse difficoltà incontrate in questi anni di crisi, non sono mai arretrati sul piano della qualità. Vi è infatti la consapevolezza che investire su questi servizi, in un’ottica di sistema integrato differenziato e flessibile, significa investire veramente sul futuro. In ogni caso – aggiunge la Soldati – occorre sempre tenere alta l’attenzione sulla qualità dei servizi pur nella necessaria attualizzazione della loro organizzazione in relazione ai nuovi contesti sociali e lavorativi che la crisi ha prodotto. In questo senso un importante lavoro è stato avviato da qualche anno dal Gruppo di coordinamento pedagogico provinciale con l’obiettivo di individuare le formule organizzative in grado di garantire il miglior servizio possibile ai ragazzi e alle famiglie del territorio”.

< Articolo precedente Articolo successivo >
I vostri Commenti

3401289074 - 01 aprile 2015 - 18:24 - Leggi Tutto

salve, mi chiamo Stefania e ho appena finito un corso come Assistente d'Infanzia,ho varie esperienze con i bimbi maturate nei vari anni..
è possibile sapere come si puo' collaborare con il nuovo nido di Poggio Torriana???
grazie

Accedi con la tua mail


Primo Commento? Registrati ora!
Accedi con account Social
L'accesso sottintende l'iscrizione alla newsletter. Oppure