Marted́ 27 Luglio15:24:18
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rimini, in sei anni il 300% in più di disoccupati è ricorso al patto di servizio

Attualità Rimini | 15:27 - 03 Giugno 2014 Rimini, in sei anni il 300% in più di disoccupati è ricorso al patto di servizio

Nel 2012 in Provincia di Rimini sono state 21.200 le persone che hanno siglato un patto di servizio con l'Agenzia del lavoro, l'accordo che definisce servizi e azioni per rafforzare le competenze del disoccupato e aiutarlo a trovare nuova occupazione. La crisi economica ha iniziato a produrre gli effetti già dal 2008, quando le persone che hanno siglato il patto di servizio sono cresciute da 7.989 a 12.202 unità. Il trend di crescita non si è fermato: in 6 anni, dal 2006 al 2012, il numero effettivo è aumentato del 300%. Solo 1 persona su 3, a sei mesi dalla stipula, è professionalmente attiva: il 36,3%, con un calo di 5 punti rispetto al 2011. La netta prevalenza dei contratti a termine per le nuove assunzioni produce inoltre un ritorno al collocamento degli utenti a distanza di breve tempo.


Esaminando i dati nel dettaglio, la componente femminile è quella più numerosa, con il 61,4%, ma quella maschile aumenta maggiormente rispetto al 2011: +10,4% contro il +6,4%. Aumenta anche l'età degli utenti: in 6 anni gli over 45 sono cresciuti dal 22,4% al 29,7%, gli under 35 scesi dal 48,3 % al 40,7%. Un utente su tre è straniero, in prevalenza dell'Est Europa (Romania, Albania e Ucraina), nove su 10 provengono da un'azienda del terziario; il 41,4 %  da alberghi, ristoranti e pubblici esercizi, a conferma della vocazione turistica del territorio riminese. Un altro dato negativo riguarda il sottoinquadramento professionale dei lavoratori. Nel 2012 il 13,8 % del totale, circa 2000 soggetti, ha svolto mansioni lavorative meno qualificate rispetto a quelle relative al percorso di studi e di formazione professionale.

< Articolo precedente Articolo successivo >