Venerdì 23 Luglio22:39:22
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

A Riminiwellness uno studio individua i 5 tipi da wellness

Sport Rimini | 12:08 - 31 Maggio 2014 A Riminiwellness uno studio individua i 5 tipi da wellness

Sono cinque i profili di chi si avvicina al 'wellness', all'attività fisica per il proprio benessere. A individuarli - ribattezzandoli 'Techno Active', 'Evergreen', 'Coserv/active', 'Relaxed Manager' e 'Irriducibili' - è uno studio di Nets Marketing Research condotta per conto dell'Osservatorio su profili e consumi promosso da Riminiwellness, la kermesse dedicata a 'Fitness, Benessere e sport on stage', giunta alla nona edizione e in corso fino a lunedì a Rimini Fiera.
Nel dettaglio, guardando ai 'Techno-Active', nove su dieci (87,4%) hanno un profilo Facebook, un'età media di 35 anni, due su tre sono donne e hanno iniziato ad allenarsi da poco più di 5 anni, principalmente per 'tenersi in forma' (84,6%) mentre per quanto riguarda gli 'Evergreen', questi sono sono mediamente 45enni, quasi la metà (46,5%) impiegati ed hanno una grande varietà di passioni per i luoghi di allenamento. E' il profilo nel quale spicca la passione come motivazione e traggono il maggiore beneficio dall'attività fisica: l'84,4% dice di sentirsi molto meglio.
Quanto ai Conserv/active, sono prevalentemente donne, 41 anni di media, hanno un reddito più basso di altri profili e sono fortemente motivati dal volersi tenere in forma (88,9%). Affiancano l'allenamento all'appartenenza a community sull'alimentazione legata all'attività fisica (35,8%). mentre i 'Relaxed Manager', sono prevalentemente 'rosa' (64%), con età media di 37 anni e lavoratori autonomi. Cercano relax (79%), ma sono portati alla sperimentazione o all'ingaggio di un personal trainer (18%).
Infine gli 'Irriducibili', 39enni con prevalenza di laureati (54,9%), scelgono più di altri la palestra (84,3%) per il loro allenamento e quasi la metà (45,1%) la frequenta tutti i giorni. Il loro entusiasmo è veicolato sui Social: postano fotografie sulle loro attività fisico/sportive (68,3%) e condividono i loro risultati (29,3%).

< Articolo precedente Articolo successivo >