Marted́ 09 Marzo01:38:30
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Slitta conversione decreto Imu. Gnassi: il governo eviti la mini Imu, tassando il gioco d'azzardo

Attualità Rimini | 16:30 - 19 Dicembre 2013 Slitta conversione decreto Imu. Gnassi: il governo eviti la mini Imu, tassando il gioco d'azzardo

Slitta a gennaio la conversione in legge del Decreto Imu. I sindaci di Rimini e Ravenna, Gnassi e Matteucci, cantano vittoria e chiedono a gran voce che il governo trovi la copertura economica per garantire i Comuni sulle mancate entrate derivanti dalla cancellazione dell'Imu sulla prima casa. "Il governo tassi il gioco d'azzardo", è la richiesta dei due sindaci romagnoli. Di seguito la loro nota congiunta.


“Le nostre comunità, i cittadini che abbiamo l'onore di amministrare, l'impegno di molti, hanno prodotto pochi minuti fa una prima, provvisoria, precaria, ma incontestabile vittoria. E' rinviata a gennaio la discussione parlamentare sulla conversione in Legge del Decreto del 30 novembre sull'Imu. 

Questa mattina, insieme al sindaco di Bologna Virginio Merola (che ha svolto un intervento molto incisivo) abbiamo manifestato, d'accordo con il sindaco di Imola e presidente ANCI Emilia-Romagna Daniele Manca, la netta contrarietà al Decreto Imu.

La nostra posizione è semplice.

Governo e Parlamento hanno deciso di abolire l'Imu prima casa nel 2013. Governo e Parlamento hanno garantito la copertura totale ai Comuni delle mancate entrate. Con il decreto del 30 novembre scorso il Governo ha tradito gli impegni. Anche il Parlamento li tradirebbe se convertisse il decreto cosi com’è. I cittadini che amministriamo non devono pagare di tasca loro il tradimento del Governo.

Noi proponiamo una tassa sul gioco d'azzardo. Il settore fatturava nel 2011 ottanta miliardi e dal 2004 l'aliquota del prelievo fiscale è incredibilmente calata del 200%. La nostra proposta è ragionevole.

Questa mattina, anche su nostra insistenza, l'ANCI ha rivolto un appello ai parlamentari di modificare il Decreto Imu, di non votarlo cosi com’è. Alle ore 15 l'annuncio: discussione e votazione sul decreto previste per oggi sono rinviate a gennaio.

Chi la dura la vince. Questo è un primo risultato. D’ora in poi, da qui a gennaio, da subito, noi siamo ancora più agguerriti.

Andrea Gnassi – Sindaco di Rimini

Fabrizio Matteucci – Sindaco di Ravenna

< Articolo precedente Articolo successivo >