Sabato 30 Maggio16:49:26
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

V Peep: 'Altro che vittoria di Pirro', il comitato soddisfatto per il risultato dell'udienza del TAR

Attualità Rimini | 10:58 - 10 Novembre 2013 V Peep: 'Altro che vittoria di Pirro', il comitato soddisfatto per il risultato dell'udienza del TAR

Il Comitato del V Peep di Rimini risponde all'Amministrazione Comunale dopo l’udienza del Tar dello scorso 7 novembre che ha concesso la sospensiva dei pagamenti e  manifesta la propria soddisfazione per questo risultato. In una nota da Palazzo Garampi avevano smentito la sospensiva, ma ora, concretamente, il pagamento con scadenza al 16 novembre 2013 slitta almeno fino alla data fissata per la prossima udienza, ovvero il 23 gennaio 2014.

Di seguito la nota del Comitato V Peep

“Un successo. Altro che vittoria di Pirro!”. Il Comitato celebra così il risultato dell'udienza del TAR dello scorso 7  novembre. Il Tribunale  ha ritenuto apprezzabile il ricorso presentato dai 1.597 residenti del V Peep di Rimini che a Maggio si sono visti recapitare le lettere per i pagamenti degli oneri di esproprio e del riscatto dei diritti di proprietà, giudicati dagli stessi come ingiusti. “Siamo stati ascoltati, e questa è una grande vittoria”. Queste le parole del presidente del Comitato Daniela Montagnoli.

Altro che vittoria di Pirro! A quanti vogliono sminuire l'importanza di questo risultato attraverso tecnicismi, il Comitato ribadisce di avere ottenuto da questo passaggio giudiziario ciò a cui ambiva: il blocco dei pagamenti e la prosecuzione dell'iter processuale. Nel dibattimento, il TAR ha “ritenuto la propria Giurisdizione e Competenza” dando accoglimento e soddisfazione ai ricorrenti.

“Sono state accolte le nostre ragioni”. Il Prof. Antonio Carullo, legale del Comitato, ha riportato dall'incontro con il Presidente del Collegio l'auspicato risultato, ovvero la fissazione dell'udienza di merito in base all'art. 55 comma 10 del Codice del processo amministrativo, secondo il quale il Tribunale ha ritenuto che “le esigenze del ricorrente siano apprezzabili favorevolmente e tutelabili adeguatamente con la sollecita definizione del giudizio nel merito”, e quindi “fissa con ordinanza collegiale la data della discussione del ricorso nel merito”. A tale udienza, prevista per il 23 gennaio 2014, il Comitato guarda con fiducia e ottimismo: “Noi vogliamo pagare, ma pagare il giusto”. L'obiettivo rimane lo stesso: “Far valere i diritti di equità e di trasparenza”.

Pagamenti bloccati. L'ordinanza emessa trova perfetta corrispondenza in quanto espresso dal Comitato, dai suoi membri, e diffuso tramite gli organi di stampa. Infatti il risultato ottenuto consiste in un provvedimento cautelare con insita la sospensiva dei pagamenti. Tale sospensiva, seppure non manifestata esplicitamente, rappresenta un fatto intrinseco all'art. 55 comma 10. Infatti, checché se ne dica, i quasi 1.600 ricorrenti possono godere del blocco dei pagamenti.

“Vorremmo proseguire nel dialogo con il Comune”. Il Comitato resta in attesa della Delibera di Giunta per lo spostamento della scadenza dei pagamenti del 16.11.2013 ad una data successiva all’udienza di merito, nel rispetto dell'impegno preso dall'Amministrazione stessa presso il TAR, tramite la stampa e gli incontri con il Comitato. Nel frattempo il Comitato si auspica che prosegua il dialogo recentemente instauratosi attraverso i tavoli di trattativa, nella convinzione che rappresentino una valida e fruttuosa occasione di confronto fra le diverse posizioni.

Martedì 12 novembre alle ore 18 si terrà la riunione di tutti i ricorrenti presso il teatro della Parrocchia La Riconciliazione.