Venerdì 15 Ottobre22:28:10
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Fiere: Airet chiude a Rimini. Il filo rosso è l'internazionalità

Attualità Rimini | 16:47 - 05 Ottobre 2013 Fiere: Airet chiude a Rimini. Il filo rosso è l'internazionalità

E' stata l'internazionalità il filo rosso di Airet, la kermesse dedicata al rinascimento dell'industria aeronautica italiana e del design aeroportuale, che si chiude in giornata a Rimini Fiera. Tanti gli incontri e i business meeting tra delegazioni di buyers esteri ed esponenti delle aziende italiane presenti alla manifestazione. Attiva, in particolare, la delegazione proveniente dalla Tanzania Airports Authority, il gruppo più numeroso: nel paese sono in via di progettazione due aeroporti e sono stati presi contatti con le industrie aeronautiche italiane. Dal Kazakhstan sono arrivati l'Economic Research Institute e il Kazairservice, fornitore ufficiale dei dati meteorologici per l'aviazione civile kazaka. Quattro erano le delegazioni di buyers dalla Russia: la Leninetz, azienda che produce radar per controllo aeroportuale, avionica per aerei ed elicotteri, sistemi giroscopici, fresatrici con serie di controllo numerico 'Sniper' e macchine per elettroerosione; l'università di Nizny Novgorod NGYY R.E. Alekseeva; la Aerosila SPE JSC, leader nella progettazione e produzione di propulsori per l'industria aeronautica e la Arzamas, con cinquemila dipendenti, che si occupa di sistemi di strumentazione e controllo per l'industria aerospaziale. Dall'Ucraina, infine, il gruppo della Ves Na Biznes, l'ufficio progettazione e costruzione di ricambi e accessori per l'industria aeronautica di Odessa. Tra i convegni, un focus sull'Asia centrale, con Azerbaijan, Kazakhstan, Uzbekistan e Kurdistan iracheno, quindi ancora sulla Tanzania. 

< Articolo precedente Articolo successivo >