Domenica 24 Ottobre13:33:20
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Scuole: progetto a favore dell'integrazione dei bambini con disturbi di apprendimento

Scuola Rimini | 12:26 - 30 Settembre 2013 Scuole: progetto a favore dell'integrazione dei bambini con disturbi di apprendimento

Oltre ai bambini con disabilità, c’è una categoria di piccoli alunni per cui il percorso scolastico è più ostico. Si tratta dei bambini con Disturbi Specifici di Apprendimento e bambini con Disturbi di Attenzione e con Iperattività (DDAI). A loro è dedicato il fondo di 100mila euro stanziato dalla Giunta comunale, a favore della sperimentazione di attività di sostegno e di integrazione nel tessuto scolastico.

“Se per i bambini con disabilità sono già attivi nella scuola dell’obbligo programmi specifici con insegnanti o educatori di sostegno – spiega l’assessore alle Politiche dell'Educazione e della Famiglia Gloria Lisi – non altrettanto si può dire per i bambini con disturbi dell’attenzione o di apprendimento. In molti casi infatti questi piccoli studenti non trovano all’interno del contesto scolastico soluzioni specifiche adatte alle loro esigenze, che possano cioè consentirgli di sviluppare percorsi di crescita delle competenze in linea con le attese. Abbiamo quindi ritenuto necessario destinare delle risorse affinché operatori del settore possano sperimentare nuove soluzioni per favorire la completa integrazione scolastica di questi bambini”.

Il progetto per l’integrazione scolastica si articolerà su tre anni a partire dal 2014, con un impegno dell’Amministrazione Comunale di 100 mila euro annui e prevede la progettazione e l'attuazione di interventi di carattere educativo, didattico e assistenziale, oltre ad attività di ricerca e documentazione. Si tratta di un progetto di carattere sperimentale che, se darà i frutti sperati, potrà anche essere diffuso nelle scuole del territorio come “buone pratiche”. A seguire il progetto sarà un soggetto pubblico o del terzo settore che opera nel Comune di Rimini e già attivo in questo campo, che sarà individuato attraverso un’istruttoria pubblica.

< Articolo precedente Articolo successivo >