Domenica 01 Agosto16:30:56
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Caso delfinario, il Wwf all'attacco: bene sequestro dei delfini, ora il delfinario sia abbattuto

Ambiente Rimini | 15:10 - 16 Settembre 2013 Caso delfinario, il Wwf all'attacco: bene sequestro dei delfini, ora il delfinario sia abbattuto

"Altro che allevati e curati come figli, i delfini erano dopati, sottoposti a somministrazioni di valium per sopperire agli stess degli spettacoli e della detenzioni in condizioni del tutto inadeguati". Il Wwf di Rimini attacca i responsabili del delfinario, dopo il trasferimento di quattro delfini all'Acquario di Genova, trasferimento eseguito lo scorso fine settimana in esecuzione del sequestro preventivo disposto dall'autorità giudiziaria.

"Era un provvedimento dovuto e inevitabile, arrivato con ritardo", spiega il presidente della sezione riminese, Antonio Cianciosi, che plaude invece il sindaco Gnassi, per aver dichiarato l'inammissibilità di ampliamento del delfinario. Il Wwf è sicuro: "La struttura va demolita". Gli ambientalisti vogliono il ripristino dell'arenile a aspiaggia libera: un intervento che sarebbe coerente con il masterplan strategico varato dalla giunta Gnassi. Un elogio al primo cittadino attuale di Rimini, una critica al suo predecessore Ravaioli, che avrebbe chiesto un urgente intervento per salvare il delfinario: "In due legislature non si è preccupato delle condizioni dei delfini, ma solo di project e varianti che hanno portato nuovo cemento", scrive Cianciosi nella nota.  

< Articolo precedente Articolo successivo >