Mercoledý 04 Agosto19:09:51
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Studenti diversamente abili, la Provincia investe un milione di euro

Scuola Rimini | 10:25 - 12 Settembre 2013 Studenti diversamente abili, la Provincia investe un milione di euro

Nell’ultima seduta, la Giunta provinciale di Rimini ha approvato il programma di interventi a favore degli studenti diversamente abili, residenti nella provincia di Rimini e frequentanti le scuole secondarie di secondo grado. 

L’azione dell’Amministrazione provinciale si sviluppa su numerosi versanti: dal servizio educativo-assistenziale, alla realizzazione di progetti di orientamento e di transizione al lavoro, all’acquisto di ausili che complessivamente comportano un impegno di spesa di circa un milione di Euro (in parte di risorse provinciali ed in parte di risorse del Fondo regionale disabili come già disposto con precedenti delibere).

Gli interventi ogni anno riguardano circa 160 studenti di scuola secondaria di secondo grado e vengono concordati e coordinati insieme alla Scuole, all’Ausl ai Comuni di residenza.

Il diritto allo studio è da sempre uno degli interventi assicurati dalla Provincia di Rimini e rispetto al quale, nonostante il progressivo venir meno delle risorse, l’Ente ha sempre garantito il medesimo impegno economico. L’Assessore alle politiche scolastiche, Meris Soldati spiega come “l’intervento sia assolutamente centrale nella politica scolastica portata avanti dall’Amministrazione e come siano numerosi gli sforzi da compiere, ogni anno sempre di più, per assicurare ai ragazzi diversamente abili adeguate risorse umane (educatori) e strumentali (ausili) che insieme all’insegnante di sostegno costituiscono i presupposti per garantire la tutela del diritto allo studio della persona con disabilità anche ai fini della piena integrazione sociale”.

“Nonostante le difficoltà finanziarie in cui versa l’Ente- continua Meris Soldati- a causa dei tagli dei trasferimenti statali questa è una priorità sui cui non si intende arretrare e rispetto alla quale abbiamo registrato, con grande favore, una forte attenzione anche dei nostri Dirigenti i quali hanno proposto all’Amministrazione la riduzione del fondo della retribuzione di posizione e di risultato dell’Area Dirigenziale per l’anno 2013 del 10%, destinando tale cifra agli interventi educativo-assistenziali per gli studenti portatori di handicap frequentanti gli Istituti Secondari di II grado. Tutto questo chiaramente non esaurisce una questione complessa e enorme, a cui ormai da anni non dà più alcuna risposta il piano centrale, lasciando ogni responsabilità a Regioni, province e Comuni. Ci auguriamo, in questo senso, che nel futuro si possano compiere significativi passi in avanti, sempre con lo spirito di porre in essere misure ed azioni di integrazione attiva della persona diversamente abile che ne realizzino il pieno inserimento nei diversi ambiti di vita”.

< Articolo precedente Articolo successivo >