Marted́ 27 Luglio17:45:26
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rimini, barriere sottopassaggio Grattacielo: Renzi, "Ancora nulla di fatto!"

Attualità Rimini | 13:16 - 04 Settembre 2013 Rimini, barriere sottopassaggio Grattacielo: Renzi, "Ancora nulla di fatto!"

Dopo un anno, ancora nulla di fatto per l’eliminazione delle barriere architettoniche nel sottopassaggio del Grattacielo. Questa la critica mossa dal Consigliere Comunale Gioenzo Renzi all’amministrazione, che lo ha portato questa mattina a presentare una interrogazione di estrema urgenza al Sindaco. 

Il Consigliere vuole chiarire quali siano le ragioni per cui non è ancora stato realizzato l’intervento di abbattimento delle barriere architettoniche nel sottopassaggio del grattacielo, annunciato e previsto dal Sindaco un anno fa.

Inoltre, se sia stato definito il progetto e quando questo verrà realizzato, l’installazione di telecamere funzionanti, l’utilizzo del sottopassaggio riservato solo ai pedoni. Un intervento definito urgente “per un vero e pieno recupero della funzionalità del sottopassaggio per le carrozzelle dei disabili e i passeggini dei bambini, della sicurezza dei passanti, oltre all’immagine decorosa di questo sottopasso centrale della città”.


Di seguito il Comunicato completo del Consigliere Comunale Gioenzo Renzi

Eliminazione delle barriere architettoniche nel sottopassaggio del Grattacielo : dopo un anno, ancora nulla di fatto !

Ricordo di aver richiamato l’attenzione della Amministrazione Comunale con ripetute interrogazioni dal 2001 al 2012 e con la petizione popolare sottoscritta nel 2012 da 2494 cittadini sulla necessità di una manutenzione straordinaria del sottopassaggio del Grattacielo che collega il Centro Storico e la Stazione alla Marina Centro. 

Ebbene nel Giugno 2012 l’Amministrazione Comunale ha realizzato un intervento di restyling soprattutto estetico con il rifacimento dell’intonaco e la tinteggiatura delle pareti.

Il Sindaco, in quella occasione, aveva annunciato per la fine estate 2012 di riprendere i lavori per l’abbattimento delle barriere architettoniche. 

Ho fatto presente da un decennio,  che gli attuali scivoli, realizzati 40 anni orsono tra le due rampe di gradini, per la loro eccessiva pendenza e per la loro ristrettezza non possono essere usati dalle carrozzelle dei disabili e spesso neanche dai passeggini dei bambini.     

In queste condizioni succede che i disabili restano intrappolati nel sottopasso, oppure sono costretti ad un discriminante percorso alternativo, più lungo sui marciapiedi di Viale Graziani, sotto il Ponte di ferro, in Viale Rodi, e più difficoltoso per la pavimentazione sconnessa dalle radici degli alberi. 

Inoltre, durante i lavori di restayling, ci si è limitati a riverniciare esternamente le due telecamere del sottopasso, ma queste hanno continuato a non funzionare, come ho accertato da anni, nonostante le mie ripetute e specifiche richieste di ripristino.  

Infine, c’è il continuo via- vai dei ciclisti sugli scivoli del sottopasso utilizzati come percorso di ciclo-cross con pericoli per i pedoni, in particolare per le persone anziane e i bambini che si trovano lungo le gradinate.

Per queste ragioni ho presentato questa mattina una interrogazione di estrema urgenza al Sindaco per chiedere: 

1) Per quali ragioni, non è ancora stato realizzato l’intervento di abbattimento delle barriere architettoniche nel sottopassaggio del grattacielo, annunciato e previsto dal Sindaco un anno fa.

2) Se è stato definito il progetto che dovrebbe prevedere gli  scivoli con pendenze e larghezze agevoli per le carrozzelle dei disabili e i passeggini dei bambini  e quando verrà realizzato.  

3) L’installazione di telecamere funzionanti per attivare la video sorveglianza effettiva e non apparente del sottopasso e contribuire alla sicurezza dei passanti;

4) L’utilizzo del sottopassaggio riservato solo ai pedoni , vietando per ragioni di incolumità, il transito delle biciclette sugli scivoli come “pista da cross”, tramite l’installazione della  apposita segnaletica e la vigilanza della Polizia Municipale.

5) Di realizzare i suddetti interventi urgentemente per un vero e pieno recupero della funzionalità del sottopassaggio per le carrozzelle dei disabili e i passeggini dei bambini, della sicurezza dei passanti, oltre all’immagine decorosa di questo sottopasso centrale della città. 

< Articolo precedente Articolo successivo >