Venerd́ 01 Luglio10:20:59
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Video: Progetto AdriaMuse, Rimini valorizza il patrimonio culturale romano

Cultura Rimini | 16:35 - 27 Agosto 2013

Un progetto quasi giunto al termine cofinanziato dai fondi dell'Unione europea e mirato ad attirare nei musei quel pubblico che di solito non li frequenta. AdriaMuse, coinvolge 11 partner provenienti da cinque nazioni su entrambe le sponde dell'Adriatico, tutti insieme impegnati nello sviluppo di una nuova concezione del turismo culturale, con al centro il patrimonio museale. Tra questi vi è anche la Provincia di Rimini, coordinatore principale del progetto, che ha il compito di promuovere l'integrazione degli avvenimenti culturali-turistici, per far “uscire” le collezioni museali dalle mura dei musei ed avvicinarle alla comunità, ai turisti desiderosi di nuovi contenuti, ma anche renderle più accessibili alla stessa popolazione locale. Stamani presso il Museo della Città di Rimini sono state illustrate le diverse iniziative atte a valorizzare la Rimini romana, poco conosciuta dai turisti in vacanza, come emerse da un sondaggio del 2011. Si è deciso, quindi, di procedere con la creazione di un manuale illustrativo per bambini contenente raffigurazioni del giovane marinaio romano, un App per smartphone e tablet con il manuale più i quiz inerenti all’argomento, una mappa della Rimini romana cartacea e digitalizzata con 7 itinerari italiani e inglesi. Infine, è stata creata una mostra della navigazione antica in Adriatico, inaugurata il 21 giugno al Club Nautico di Rimini e indirizzata agli appassionati del mare, con ben 23 pannelli. Uno di questi rappresenta il “Mosaico delle Barche”, risalente alla metà del II sec. d.c., e che raffigura la dichiarazione di professione del proprietario della domus. Nello specifico, il mosaico narra scene di approdo di una barca a vela al porto. I target delle nuove iniziative sono le famiglie con bambini ma anche velisti e congressisti. Ha giocato un importante ruolo Stefano Medas, consulente del progetto nonché creatore del libretto “Il manuale del giovane marinaio romano”.  

< Articolo precedente Articolo successivo >
I vostri Commenti

leone - 27 agosto 2013 - 21:34 - Leggi Tutto

Fino a quando le persone interessate all'archeologia saranno allontanate,anche in malo modo,dal luogo del ritrovamento,sara' inutile o quasi fare grandi progetti per musei.

Accedi con la tua mail


Primo Commento? Registrati ora!
Accedi con account Social
L'accesso sottintende l'iscrizione alla newsletter. Oppure
{* Smart banner Desktop *} {* Mirror Sticky Desktop *} {* Desktop *}