Lunedė 29 Maggio21:38:35
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Predoni in azione a Forlì: stesse modalita' dei colpi in Alta Valmarecchia

Cronaca Rimini | 14:01 - 09 Maggio 2013 Predoni in azione a Forlì: stesse modalita' dei colpi in Alta Valmarecchia

La banda di predoni che ha colpito in Alta Valmarecchia potrebbe essere la stessa che sta mettendo a ferro e fuoco anche Forlì. Nella notte scorsa un'abitazione della città romagnola è stata depredata con le stesse modalità dei colpi effettuati a Novafeltria e Cà Fusino di Talamello. I ladri forzano le finestre, utilizzando trapani e una leva, e rubano tutto ciò che trovano a tiro: una veloce escursione, fatta in presenza dei proprietari di casa, che dormono ignari, per poi scoprire il furto alla mattina, al risveglio. In aggiunta i predoni si appropriano delle chiavi delle auto dei malcapitati, allontanandosi a bordo della vettura rubata. Altri colpi sono stati fatti con lo stesso modus operandi a Forlì. La Questura di Forlì sta svolgendo serrate indagini. 


A Rimini e zone limitrofe, i predoni adottano invece una strategia diversa dai colleghi in azione in Alta Valmarecchia. Colpiscono soprattutto in assenza dei proprietari di casa. E' proprio su questo presupposto che si basano i 25 punti del famoso vademecum realizzato dal Comando Provinciale dei carabinieri di Rimini. In Alta Valmarecchia, la banda di predoni in azione anche nell'estate del 2011  (non si sa se sia la stessa) non considera questo dettaglio. Tanto più che anche i famosi simboli lasciati come indicazioni sulle case non sembrano così necessari. Talvolta il bottino dei predoni non ha una grande consistenza. Nelle periferie delle grandi città è facile imbattersi nelle villette di persone facoltose, in piccoli paesi ciò non accade. A Novafeltria il circuito di telecamere è installato, ma non ancora attivo: l'Amministrazione Comunale sta redigendo il regolamento della privacy che dovrà essere approvato poi in Consiglio. Nella popolazione sale il malcontento: i cittadini sono pronti a ripristinare le ronde, nella speranza che questi predoni, maghi dello scasso, prima o poi facciano un passo sbagliato. L'impressione  è che forse bisognerebbe guardare sull'asse Alta Valmarecchia-E45-Cesena-Forlì. 

< Articolo precedente Articolo successivo >