Sabato 06 Marzo12:10:16
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Donna sfigurata con acido: ex voleva disfarsi della sua auto

Attualità Pesaro | 19:42 - 28 Aprile 2013 Donna sfigurata con acido: ex voleva disfarsi della sua auto

Luca Varani, l'avvocato di 35 anni accusato di essere il mandante dell'agguato alla sua ex, la collega Lucia Annibali, sfigurata il 16 aprile scorso con l' acido nel suo appartamento di Pesaro, tentò quasi tre settimane prima di disfarsi di una Smart che, per i carabinieri di Pesaro, conteneva tracce di acido del tipo di quello usato dai sicari da lui assoldati per l'aggressione alla donna. Varani, il 27 marzo, fece - secondo gli investigatori - una cosa "inspiegabile". Portò la city car, immatricolata nel 2004 e in ottime condizione d'uso, da un autodemolitore perché la rottamasse, e si recò in una concessionaria per comperare un'altra Smart. Il titolare dell'officina, però, pensò di tenerla per la figlia. Dopo alcuni giorni il professionista tornò dall'autodemolitore per chiedergli di poter avere i sedili dell'auto in quanto era intenzionato a venderli su E-Bay. Un comportamento piuttosto insolito, a parere dei carabinieri, secondo cui, in realtà, Varani voleva cancellare delle tracce compromettenti sull'auto. Si è infatti scoperto che il blocco dell'accensione - posto tra i due sedili - era fuori uso, probabilmente perché corroso da un acido. Ora saranno i carabinieri del Ris a fare accertamenti sulla vettura, ma gli investigatori sono convinti che nella Smart sia caduto dell'acido come quello usato per sfigurare la Annibali, e questo spiegherebbe la decisione di Varani di sbarazzarsi del mezzo, per non lasciare prove dietro di sé. 


Gli investigatori sono convinti che Varani fosse ossessionato dalla donna, che lo aveva lasciato a ottobre dopo aver scoperto che il compagno non aveva mai troncato la relazione con la sua fidanzata 'storica', da cui peraltro l'uomo aspetta un figlio. A febbraio, è emerso dalle indagini, Lucia Annibali se l'era ritrovato sul pianerottolo di casa. Entrando, aveva avvertito un forte odore di gas. Aveva chiamato un tecnico scoprendo che alla caldaia mancava del tutto una guarnizione. I carabinieri del Ris analizzeranno anche un paio di scarpe sportive, modello Nike, avvolte in un sacchetto e interrate vicino al casolare di Novilara dove è stato catturato l'albanese Altistin Precetaj, 28 anni, considerato uno dei sicari. Le scarpe sono state fiutate da un cane poliziotto e i carabinieri del Reparto investigazioni scientifiche cercheranno tracce di dna e altri elementi che possano collocare Precetaj sul luogo dell'aggressione. 

< Articolo precedente Articolo successivo >