Martedì 02 Marzo21:53:30
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Droga, arriva in Qatar il 'metodo' San Patrignano

Sociale Rimini | 13:17 - 28 Aprile 2013 Droga, arriva in Qatar il 'metodo' San Patrignano

Sbarca in Qatar il 'metodo San Patrignano'. A Doha, capitale del Paese arabo, verrà istituito un centro specializzato nel recupero e riabilitazione di tossicodipendenti ispirato alla comunità riminese. L'iniziativa presentata a Doha - si legge in una nota - è parte di un più ampio accordo tra il governo del Qatar e Sanpa. "L'accordo - viene osservato - nasce con l'obiettivo di sviluppare la cooperazione internazionale portando il know-how della comunità nel recupero e nella prevenzione delle tossicodipendenze ai Paesi del mondo arabo, dove il problema delle droghe sta assumendo sempre maggior rilievo insieme al bisogno urgente di operatori che seguano un iter formativo altamente specializzato". Il Qatar è il primo Paese che ha l'opportunità di accedere al Master di operatore Socio-Riabilitativo nel campo delle tossicodipendenze, avviato grazie alla collaborazione tra San Patrignano e l'Università Telematica Uninettuno di Roma, che offre la possibilità di assistere a corsi di formazione via internet in 4 lingue (arabo, francese, inglese, italiano). "E' importante che il Qatar, Paese all'avanguardia nell'educazione e nella ricerca, intenda potenziare gli strumenti di contrasto del consumo di droga avvalendosi della collaborazione ed esperienza di San Patrignano - osserva Letizia Moratti, ambasciatrice di San Patrignano e nominata nel 2000 Goodwill Ambassador dall'Onu -: gli ottimi risultati ottenuti attraverso il modello terapeutico della Comunità, già riconosciuti a livello europeo, possono ora essere sviluppati anche in Qatar dove l'emergenza delle droghe è crescente. Solo stipulando cooperazioni internazionali di questo livello, saremo in grado di fare realmente fronte comune nella prevenzione, lotta e recupero dalle tossicodipendenze a livello mondiale". Dal 2007 ad oggi, San Patrignano ha accolto in forma totalmente gratuita, oltre 20.000 persone provenienti da centinaia di diverse nazioni, offrendo una casa, l'assistenza sanitaria e legale, la possibilità di studiare, di imparare un lavoro e reinserirsi pienamente nella società al termine del percorso di recupero.

< Articolo precedente Articolo successivo >