Sabato 06 Marzo12:22:04
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Al Cinema Tiberio il 'Nabucco' con Placido Domingo in diretta da Londra

Spettacoli Rimini | 11:38 - 27 Aprile 2013 Al Cinema Tiberio il 'Nabucco' con Placido Domingo in diretta da Londra

Al Cinema Tiberio di Rimini (via San Giuliano, 16), la prima ed unica monosala digitale del centro storico di Rimini, lunedì 29 aprile (ore 20.15) appuntamento con il Nabucco di Giuseppe Verdi in diretta dalla Royal Opera House di Londra con la direzione di Nicola Luisotti, la regia di Daniele Abbado e Placido Domingo e Andrea Caré nei ruoli principali.
Nabucco è la terza opera (il titolo originale completo è Nabucodonosor) di Giuseppe Verdi e quella che ne decretò il successo. Composta su libretto di Temistocle Solera, Nabucco fece il suo debutto il 9 marzo 1842 al Teatro alla Scala di Milano. Ha aperto le stagioni operistiche del Teatro alla Scala nel 1946, 1966, 1986. È stata spesso letta come l'opera più risorgimentale di Verdi, poiché gli spettatori italiani dell'epoca potevano riconoscere la loro condizione politica in quella degli ebrei soggetti al dominio babilonese. Questo tipo di lettura è tuttavia incentrata soprattutto sul famosissimo coro Va', pensiero, sull'ali dorate, intonato appunto dal popolo ebreo. Il resto del dramma è invece incentrato sulle figure drammatiche del re di Babilonia Nabucodonosor II e della sua presunta figlia Abigaille.
Occorre inoltre ricordare che il librettista Solera aderì alla battaglia risorgimentale da posizioni neoguelfe, circostanza che giustificherebbe la collocazione di un'autorità di tipo religioso, l'inflessibile pontefice Zaccaria, a capo della fazione ebraica. Una prospettiva non condivisa da Verdi, la cui simpatia e il cui interesse di drammaturgo vanno soprattutto verso le figure più complesse e tormentate del tiranno babilonese e di Abigaille.
In origine, il nome dato da Giuseppe Verdi alla sua opera era "Nabucodonosor" ma, data la lunghezza dello stesso sulla locandina, venne diviso in due righe e cioè "Nabucco" e, a capo, "Donosor" ma la gente faceva caso solo alla prima riga. Da qui la diffusione del nome dell'opera fino ad oggi nota come del "Nabucco". Tuttavia per i primi due anni di vita dell'opera il titolo fu sempre Nabucodonosor, e per trovare la prima attestazione storica del titolo Nabucco si dovrà attendere l'allestimento dato a Corfù nel 1844.

< Articolo precedente Articolo successivo >