Venerd́ 26 Febbraio17:17:49
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Tornano le Fattorie Aperte

Ambiente Emilia Romagna | 11:51 - 24 Aprile 2013 Tornano le Fattorie Aperte

Fattorie aperte, l’iniziativa che – per tre domeniche (5, 12 e 19 maggio) – apre ai visitatori i cancelli delle aziende agricole emiliano-romagnole, raggiunge quest’anno il traguardo delle quindici edizioni.

Fattorie aperte, come ha spiegato l’Assessore all’Agricoltura della Regione Emilia-Romagna Tiberio Rabboni, è “occasione di svago, opportunità di conoscenza del mondo rurale e possibilità d’acquisto, direttamente dalle mani dell’agricoltore, di prodotti agroalimentari di riconosciuta salubrità, tradizione e cultura”.

L’iniziativa 2013 sarà ancor più centrata sul tema ecologico e sulla promozione dei prodotti Dop e Igp. Infatti, è utile ricordarlo, la Regione Emilia-Romagna detiene il primato italiano con ben 37 prodotti in possesso della certificazione europea Dop (denominazione d’origine protetta) e Igp (identificazione geografica protetta). Un lungo elenco di alimenti d’altissima qualità: che spaziano dall’olio all’aceto, dalla frutta alla verdura, fino ad arrivare agli insaccati, ai formaggi e alle carni di qualità.

“E’ un patrimonio, in primo luogo, rurale – ha commentato l’Assessore all’Agricoltura della Provincia di Rimini, Juri Magrini – ma che, a ben guardare, si lega a doppio filo con la natura e la sua conservazione ed anche con la storia e i beni culturali: in sintesi, con tutti i valori che vanno a determinare l’identità di un territorio e le radici del nostro viver comune”.

“Dalle ultime due edizioni s’è aggiunto un valore ulteriore: quello delle scelta. Infatti, la crisi economica che continua ad aggredire ed erodere il potere d’acquisto delle famiglie ha imposto la necessità di dover scegliere con attenzione cosa portare in tavola. La Provincia di Rimini è impegnata (ormai da diversi anni) nella battaglia per convincere i cittadini ad acquistare magari meno, ma di qualità. Una filosofia in netto contrasto con quella del “tre per due” e dei carrelli (forse, ma sempre meno) riempiti comunque, ma con prodotti spesso scadenti, d’origine discutibile e dall’impronta ecologica pessima, soprattutto a causa dei chilometri percorsi”.

“Nota positiva, e strettamente legata all’iniziativa Fattorie aperte, è quella del riconoscimento, da parte dei consumatori, dell’imprenditore agricolo locale come garante della salubrità e genuinità del prodotto alimentare: riconoscimento attestato da diverse indagini. Un motivo in più per recarsi nelle fattorie riminesi il 5, il 12 o il 19 di maggio, passare una bella domenica in campagna e scopre le iniziative e le degustazioni che i produttori hanno preparato per i visitatori che sceglieranno la loro azienda”.

Per ulteriori informazioni:http://www.fattorieaperte-er.it


< Articolo precedente Articolo successivo >