Domenica 07 Marzo06:09:14
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Dolore cronico: se ne parla a Rimini

Sanità Rimini | 11:25 - 11 Aprile 2013 Dolore cronico: se ne parla a Rimini

Il 25% degli abitanti dell’Emilia Romagna combatte, più o meno frequentemente, contro un dolore cronico di origine non oncologica, che nel 67% dei casi è dovuto ad artrosi e osteoartrosi. La frequenza e la rilevanza del dolore nelle patologie osteoarticolari fa comprendere il ruolo centrale dello specialista ortopedico, chiamato sempre più spesso a gestire nella pratica clinica pazienti che soffrono. 

Per formare gli ortopedici a un adeguato trattamento del problema, Rimini ospiterà il 12 e 13 aprile il corso di aggiornamento “Ortopedia e Dolore. Il punto di vista dell'ortopedico e del terapista del dolore”. Alla due giorni di lavori, che si terrà presso l’Hotel Sporting di Viale Amerigo Vespucci, si parlerà nello specifico del dolore correlato a patologie di natura osteoarticolare.

La Legge 38 sulla terapia del dolore e le cure palliative, varata nel marzo 2010, si è proposta di tutelare il diritto a non soffrire per i 15 milioni di italiani con dolore, attraverso un equo accesso a un’assistenza qualificata e un approccio terapeutico più appropriato. A questo proposito i farmaci oppiacei rappresentano una valida alternativa per il trattamento del dolore d’intensità moderata-severa, ma il loro impiego nel nostro Paese è ancora limitato. Alla luce delle attuali pratiche inerenti la gestione del dolore cronico in ambito ortopedico, durante il corso si procederà all'analisi dei fattori limitanti l'applicazione della Legge 38/2010 e alla discussione del possibile miglioramento della gestione del paziente, mediante l'adeguato utilizzo delle recenti risorse terapeutiche disponibili.

< Articolo precedente Articolo successivo >