Sabato 14 Dicembre18:08:23
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Vint&Glam e c'era una volta a Cesena Fiera

ASCOLTA L'AUDIO
Scuola Ancona | 18:02 - 06 Febbraio 2013 Vint&Glam e c'era una volta a Cesena Fiera

Il vintage, piace sempre di più, sia per questioni economiche e sia per ragioni di moda, gusto, ma anche per ragioni etiche come critica al consumismo e si moltiplicano gli appuntamenti dedicati al Vintage e alle produzioni artigianali a kmZero. 

In sintonia con questa filosofia che coniuga creatività, risparmio ed etica, Sabato 16 e domenica 17 febbraio 2013 C'era una Volta... Antiquariato propone, in contemporanea al tradizionale grande mercato di antiquariato e cose vecchie in programma a Cesena Fiera, una edizione speciale di Vint&Glam, la fiera dedicata a vintage, remake ed autoproduzioni con abbigliamento, accessori, oggettistica e design, in una sorta di museo del costume tra alta moda, pezzi sartoriali e proposte più abbordabili all'insegna dello stile.

In questa occasione, accanto ai trecentocinquanta espositori che, ogni terzo week end del mese, si danno appuntamento a Pievesestina di Cesena, il pubblico troverà una cinquantina di nuovi stand dedicati al vintage, attributo che definisce un oggetto, capo di abbigliamento o accessorio del passato, generalmente con almeno 20 anni di storia alle spalle, e di auto produzioni dal sapore retrò o realizzare con materiali di recupero. Un grandissimo happening con 400 partecipanti e ad ingresso gratuito, una data da non perdere per tutti gli amanti di cose belle, dal passato remoto al... futuro anteriore.

C'era una Volta... è una alternativa alle fiere di alto antiquariato perché qui trovano spazio anche ‘pezzi’ popolari, curiosi, dai prezzi più abbordabili e soprattutto c'è ancora la possibilità, fra rigattieri e veri e propri antiquari, di trovare ottime occasioni, talvolta sottovalutate dallo stesso venditore e perciò ‘terreno di caccia’ per expetize e collezionisti esperti.

Le proposte che si possono sono tantissime ed eterogenee, per valore e per prezzo: dalla mobilia del XVI secolo a quella delle case contadine, dagli antichi dipinti secenteschi alle opere di arte contemporanea, dalla gioielleria alla bigiotteria americana del dopoguerra, dalla fine porcellana alle più popolari ceramiche e poi ancora libri, stampe, suppellettili, sculture, arredi sacri, tappeti, tessuti e piccoli capolavori di modernariato.

In audio: Claudia Lugli di Blu Nautilis (organizzatrice dell'evento)

ASCOLTA L'AUDIO