Sabato 28 Novembre01:01:27
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

23 ottobre 2011: Coriano ricorda in silenzio Marco Simoncelli

Attualità Coriano | 18:57 - 22 Ottobre 2012 23 ottobre 2011: Coriano ricorda in silenzio Marco Simoncelli

Domani a Coriano sarà una giornata triste e silenziosa. Nessuna manifestazione di piazza, nessuna celebrazione pubblica per commemorare Marco Simocelli ad un anno dalla morte sul circuito di Sepang. E' stata la famiglia a chiedere un rispettoso silenzio. Papà Paolo, mamma Rossella, la sorellina Martina e la fidanzata Kate vorrebbero dimenticare per sempre il 23 ottobre. "Non ce la siamo sentita - ha detto qualche giorno fa il papà - di organizzare qualcosa. Non in quel giorno, che vorremmo cancellare dal calendario. Il dolore è ancora troppo forte". Un dolore che accomuna il milione di iscritti al gruppo al sito ufficiale di Facebook a lui dedicato. Di cose in questo anno per 'Sic' a Coriano ne sono state fatte a partire dal palazzetto dello sport intitolato a Marco, sul quale spicca il murales creato dal writer Eron, e i progetti per realizzare un monumento nel centro del paese. L'autodromo di casa, il Misano World Circuit, che in occasione dell'ultima tappa della Superbike è stato intitolato a Simoncelli e una Fondazione, a lui dedicata, nata con la volontà di sostenere progetti umanitari. La Fondazione Marco Simoncelli grazie ai fondi raccolti, ha già reso possibile la realizzazione di una casa per bimbi disabili nella Repubblica Dominicana. L'ultimo progetto, in ordine di tempo, messo in campo dalla Fondazione per la raccolta di fondi è il calendario "Route 58 - In viaggio con Sic" realizzato da Mediafriends e Sport Mediaset, con la partecipazione di San Carlo. Ai fan del campione è stato chiesto di inviare foto con il numero 58, ne sono arrivate oltre 6.000. I proventi dalla vendita del calendario andranno alla Fondazione allo scopo di finanziare un progetto che prevede la ristrutturazione, a Coriano, di un vecchio albergo per trasformarlo in una casa famiglia destinata all'accoglienza dei ragazzi disabili.