Giovedė 03 Dicembre01:10:06
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

A Rimini screening per complicanze per i malati di diabete

Sanità Rimini | 11:01 - 22 Ottobre 2012 A Rimini screening per complicanze per i malati di diabete

Prevenire, o fare diagnosi precoce, per non ammalarsi, o almeno ammalarsi il più tardi possibile e in maniera meno grave. Con questo obiettivo l'Azienda USL ha attivato un programma di prevenzione e diagnosi precoce delle complicanze vascolari e neurologiche agli arti inferiori, che possono colpire le persone ammalate di diabete. 

Il Servizio di Diabetelogia coordinato dalla dottoressa Anna Carla Babini (nell'ambito della Unità Operativa di Medicina Interna II, diretta dal dottor Giorgio Ballardini) sta contattando un campione di pazienti diabetici per propor loro la visita di screening alle gambe e ai piedi. I pazienti sono stati selezionati su base clinica in collaborazione con i medici di famiglia: età compresa tra 50 e 75 anni, durata della malattia superiore a 8 anni con presenza di fattori di rischio quali, ad esempio, ipertensione, cardiopatia, obesità, fumo. 

Coi pazienti (che vengono appositamente contattati a casa da un'infermiera, dopo aver ricevuto una lettera del Servizio ed essere stati informati dai loro medici di famiglia la cui collaborazione è parte integrante del progetto) viene fissato un appuntamento durante il quale si procede all'ispezione del piede, ad effettuare un doppler ed altri esami sulla sensibilità cutanea al fine di valutare la severità del rischio ed eventuali misure da intraprendere. Non va dimenticato, infatti, che una diagnosi precoce di alterazioni circolatorie e della sensibilità delle gambe e dei piedi nelle persone diabetiche consente di evitare complicanze più gravi, che possono degenerare anche nella perdita dell'arto. Al termine dell'appuntamento ai pazienti vengono dati suggerimenti sulle corrette modalità di cura dei piedi specifiche per pazienti diabetici, e sarà proposto di aderire ad una terapia di gruppo per modificare lo stile di vita, anche con consulenze dietologiche.

Il progetto riguarderà, come detto, pazienti di tutta la provincia, ma gli screening sono già stati effettuati sui pazienti di Coriano, Valconca e Valmarecchia, e sono partiti per i pazienti di Bellaria Igea Marina (presso la sede A.USL di piazza del Popolo, 1). I controlli già svolti hanno consentito di individuare diversi pazienti che presentavano alcune criticità.