Martedý 04 Ottobre10:39:41
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Falso lavoro all'estero, ragazze riminese truffata sul web

Cronaca Rimini | 13:13 - 29 Dicembre 2011 Falso lavoro all'estero, ragazze riminese truffata sul web

Un campanello d'allarme per giovani che cercano lavoro su Internet. A farlo suonare è la Polizia Postale di Rimini dopo l'ennesima truffa sul web: questa volta la vittima è una ragazza riminese di 20 anni, interessata ad un'esperienza di lavoro all'estero 'alla pari'. "Circa due mesi fa - racconta la giovane - venivo contattata sul mio profilo Facebook da tale Kimora Andrew perché interessata ad un lavoro all'estero. Proprio per tale motivo mi ero iscritta su alcuni siti per il lavoro alla pari" fuori dall'Italia. La donna, prosegue la giovane romagnola, "mi proponeva un impiego quale baby sitter full time negli Usa, precisamente a Detroit, nel Michigan. Dopo aver preparato tutti i documenti richiesti ed averglieli inviati, perveniva sulla mia mail da parte dell'agenzia una richiesta di denaro pari a 1.020 dollari per l'acquisto del biglietto aereo, assicurazione, permesso di lavoro etcetera". Pertanto, "credendo che si trattasse della normale prassi - argomenta ancora la vittima del raggiro - effettuavo il pagamento tramite bonifico bancario internazionale. Trascorsi alcuni giorni dopo aver effettuato il pagamento, ricevevo una ulteriore richiesta di denaro pari a 800 dollari giustificati da spese amministrative. A questo punto mi insospettivo ed effettuavo delle ricerche approfondite su internet dalle quali scoprivo che c'era addirittura un blog su AuPair Forum di persone truffate in tutto il mondo da questa fantomatica agenzia rappresentata dal signor Benson Foster". Ma ovviamente era troppo tardi. Da qui la denuncia alla Polizia postale. "

Diffidate sempre di coloro che chiedono pagamenti all'estero - spiega al riguardo l'ispettore capo della Polizia Postale di Rimini, Vincenzo Papagni - perché una volta spediti i soldi, ben difficilmente si potranno recuperare. Per sicurezza, cercate nei motori di ricerca gli indirizzi, i nominativi e i numeri di telefono di chi vi contatta, per verificare se siano possibili truffatori"

< Articolo precedente Articolo successivo >