Domenica 26 Settembre02:00:46
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Imbarcazioni di contrabbando: 800mila euro di iva evasa.

Cronaca Rimini | 12:47 - 16 Settembre 2011

Il Nucleo di Polizia Tributaria e la Stazione Navale della Guardia di Finanza di Rimini hanno provveduto, autorizzati dal G.I.P. del Tribunale di Rimini, al sequestro preventivo ai fini della confisca di 4 lussuosi yacht battenti la bandiera sammarinese. "Titan Flag" questo, infatti, il nome dell'operazione che vede 18 persone coinvolte denunciate e quattro imbarcazioni per un totale di quasi 4 milioni di euro. Il reato: evasione dell'imposta all'importazione che, in questi casi, si identifica come contrabbando. Quasi 800 mila euro il totale sottratto all'erario. Il sistema simile a quello di "Rimini Yacht": il passaggio tramite un leasing ed una società di noleggio sammarinesi per arrivare alla società italiana che materialmente utilizzerà il bene, pagandolo in esenzione di iva.
I finanzieri sono riusciti a risalire ai giri finalizzati all'evasione fiscale tramite il controllo della documentazione inerente la questione Giulio Lolli e Rimini Yacht. Un work in progress se si considera che fin'ora sono stati controllati solo la metà dei documenti. Molti altri Yacht infatti potrebbero risultare coinvolti.
Il reato riguarda l'acquisto del bene in un territorio extracomunitario (come San Marino è stato definito dalla norma introdotta nel 2008 che annullava il patto fiscale con l'Italia e lo inseriva nella così definita "black list") e quindi in esenzione di iva, e l'utilizzo dello stesso bene sul territorio dell'Unione Europea. In questi casi, infatti, il proprietario è tenuto al versamento dell'imposta vigente nel paese dove il bene viene utilizzato. Per questo motivo, i finanzieri non escludono di estendere i controlli, oltre che alle imbarcazioni, anche ad altri mezzi, a partire dalle autovetture.
Gli Yacht sequestrati sono al momento in attesa della formulazione della confisca, dopo la quale verranno rivenduti o affidati ad associazioni che ne faranno richiesta.
Come sottolineano i finanzieri la priorità è garantire il pagamento dell'imposta da parte di tutti, in modo che ognuno versi ciò che gli spetta. A Rimini sono circa 1.210 i cittadini che dichiarano più di 90 mila euro l'anno. Dato che, come tutti ben sanno, non rispecchia affatto la realtà.

Guarda il servizio video.

< Articolo precedente Articolo successivo >