Domenica 26 Settembre02:37:21
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Domenica doppio appuntamento alla Sagra Musicale Malatestiana di Rimini

Sociale Rimini | 11:32 - 16 Settembre 2011 Domenica doppio appuntamento alla Sagra Musicale Malatestiana di Rimini

Alle ore 11 (ingresso 5 euro, posti numerati), al Teatro Ermete Novelli (via Cappellini, 3) nuovo spettacolo per la sezione Armoniosamente, dedicata ai bambini dai 3 ai 10 anni, con Le mie prime quattro stagioni con Ara Malikian. Il titolo più celebre di Antonio Vivaldi suonato e raccontato per i piccoli e i piccolissimi. Ideatore e protagonista è Ara Malikian: 43 anni, aspetto gitano, carriera da violinista classico, uscito dalla buca dell’orchestra del Teatro Real di Madrid per avviare un’avventura musicale divertente e originalissima. In scena, oltre a Malikian, altri tre musicisti (Michaela Bilikova Bozzato violino, Andrea Maini viola, Paolo Baldani violoncello più Tony Contartese voce recitante) che, mentre suonano perfettamente, si alzano, si rincorrono sul palcoscenico, mettono in scena una gag dopo l’altra con una mimica da attori professionisti. Una voce recitante ha il compito di coinvolgere il pubblico e di raccontare ai più piccoli le immagini consegnate dallo stesso Vivaldi, che nella partitura originale a ogni stagione ha affiancato i versi di un sonetto.

In serata, per il penultimo degli appuntamenti sinfonici la 62a Sagra Musicale Malatestiana di Rimini sfodera un vero e proprio terzetto di star della musica classica: alle ore 21 (biglietti da 15 a 40 euro) sul palcoscenico dell’Auditorium Palacongressi (via della Fiera, 52) saliranno Antonio Pappano alla guida dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e la pianista Hélène Grimaud. Acclamato in tutto il mondo e invitato regolarmente a guidare prestigiose formazioni orchestrali europee e statunitensi, Antonio Pappano è riconosciuto per il forte carisma e lo spiccato temperamento. La sua autorevolezza artistica incontra a Rimini un’altra grande personalità musicale del nostro tempo: Hélène Grimaud. È stata definita «la pianista che suona coi lupi» perché, oltre che virtuosa della tastiera, la bella Hélène si batte per la tutela di questi animali. L’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, artisticamente guidata dal 2005 da Pappano, è stata la prima formazione orchestrale italiana  a dedicarsi esclusivamente al repertorio sinfonico promuovendo nuove esecuzioni di importanti capolavori del Novecento. Il  programma musicale della serata riminese è dedicato al Concerto per pianoforte n. 1 di Johannes Brahms, e a Shéhérazade di Nikolaj Andreevič Rimski-Korsakov, opera in forma di Suite sinfonica che trae ispirazione ad alcuni episodi dei racconti delle Mille e una notte, ed è la più celebre ed eseguita del musicista nonché la più famosa tra le numerose composizioni ottocentesche di contenuto orientalistico.

< Articolo precedente Articolo successivo >