Luned́ 25 Ottobre09:16:40
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Ciclismo: domenica prossima la Coppa della Pace

Sport Rimini | 11:04 - 03 Giugno 2011 Ciclismo: domenica prossima la Coppa della Pace

Come ogni stagione torna puntuale anche quest’anno la Coppa della Pace – Trofeo Fratelli Anelli, la competizione ciclistica internazionale per dilettanti organizzata dal Pedale Riminese e dalla Polisportiva Sant’Ermete con il consueto prezioso supporto della famiglia Anelli.
Il 5 giugno, la classicissima di Sant’Ermete festeggia un traguardo davvero importante la 40a edizione (e i 37 anni della collaborazione con i Fratelli Anelli). E’ un traguardo di quelli difficili, di quelli che si guadagnano più con il cuore e la determinazione che con i muscoli e l’acido lattico. E’ un traguardo di quelli che ti tolgono il respiro ma che appena tagliato ti riversa addosso tutta la gioia di un grande risultato: quarant’anni!
La Coppa della Pace è una gara Internazionale Dilettanti, Elite, Under 23, Cat. 1-2 ME, Squadre Continentali, è anche Memorial Fabio Casartelli, valevole come Campionato provinciale, per il “19° Cappello d’oro” e per il “23° Trofeo Gabriele Dini”.
Una nota di colore, un simpatico ragazzo spagnolo, Felix di Bilbao, ha scritto all'organizzazione della Coppa della Pace in quanto fan della gara. Vorrebbe ricevere le borracce delle varie squadre visto che è un collezionista. Pare che la coppa abbia fan anche in Spagna...
L’impegnativo circuito è di 170 km con la partenza e l’arrivo posti davanti allo stabilimento Anelli. I primi 70 km sono pianeggianti su tre giri che vanno da San Martino dei Mulini a Santarcangelo, Poggio Berni, Ponte Verucchio, Villa Verucchio, Corpolò, Sant’Ermete, e gli altri 10 su otto giri che comprendono le salite di San Martino in XX e di San Paolo seguite dalla discesa su Corpolò e l’arrivo sulla strada Marecchiese di fronte allo stabilimento Anelli.
A darsi battaglia saranno come sempre i ragazzi più promettenti, ma non è importante sapere chi alzerà le braccia tagliando il traguardo, o almeno non solo. Quello che conta è che per questi futuri grandi atleti la Coppa della Pace rappresenterà una vera esperienza, il concretizzarsi di un sogno, di un primo passo nella loro carriera di ciclisti.

< Articolo precedente Articolo successivo >