Giovedė 28 Ottobre08:19:04
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Prostituzione, blitz in cinque regioni, 17 arresti tra cinesi

Cronaca Forlì | 20:12 - 01 Giugno 2011 Prostituzione, blitz in cinque regioni, 17 arresti tra cinesi

Una indagine della squadra mobile della questura di Forlì partita nel 2009 ha permesso di smantellare, con la collaborazione delle squadre mobili di Reggio Emilia, Milano, Bari, Padova, La Spezia, Bergamo, Mantova e Bologna, una ramificata organizzazione, tutta cinese, dedita al favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione in varie zone dell'Emilia-Romagna e di altre regioni, e al favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. In totale - è stato precisato durante una conferenza stampa nella questura forlivese - sono 35 le persone coinvolte, 17 delle quali arrestate a vario titolo. Individuati anche otto appartamenti, sette a Forlì, uno a Cesena, più altri nove, ubicati nel centro nord Italia, tutti adibiti a case d'appuntamento. L'organizzazione, gestita in modo rigido, dove ognuno aveva un ruolo e compiti ben precisi, funzionava come un call center. Il cliente, grazie ad un massiccia presenza d'inserzioni sulla stampa che riferivano di 'centri di massaggi orientali', contattava il call center, che aveva sede a Reggio Emilia, e questi, dopo avere definito prestazioni e prezzo, attivava in tempo reale la lucciola presente nel luogo da cui arrivava la chiamata, pronta ad aprire la porta al nuovo cliente. Le ragazze (é risultato che tutte erano volontarie, senza alcuna costrizione, e che a loro andava il 33% degli incassi) ruotavano vorticosamente fra i vari appartamenti, fermandosi non più di 15 giorni nello stesso posto. Il trasloco avveniva sempre in coincidenza col ciclo mestruale, per ridurre al minimo i tempi di inattività. Al termine di ogni rapporto sessuale la prostituta dava conferma dell'incasso, così da conteggiare le sue spettanze. Calcolato dagli investigatori che ciascun appartamento poteva rendere, mediamente, nove/dieci mila euro mensili, con picchi giornalieri fino a 1.200 euro. Le prestazioni avevano un prezzo variabile tra i 30 e i 100 euro. Identificati decine di clienti, italiani e stranieri.

< Articolo precedente Articolo successivo >