Sabato 16 Ottobre05:24:40
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Calcioscommesse: arresti anche a Rimini

ASCOLTA L'AUDIO
Cronaca Rimini | 08:51 - 01 Giugno 2011 Calcioscommesse: arresti anche a Rimini

Una vera e propria "organizzazione criminale" il cui obiettivo era quello di manipolare gli incontri di calcio: sei mesi fa partivano le indagini e nei confronti dei sedici arrestati, sostengono gli investigatori, ci sono prove "importanti ed inconfutabili".
Tra calciatori e gli ex giocatori professionisti, vi sono anche titolari di agenzie di scommesse e liberi professionisti, mentre gli indagati sarebbero complessivamente una trentina. Gli arresti sono stati eseguiti dagli uomini della polizia a Bari, Como, Bologna, Rimini, Pescara, Ancona, Ascoli, Ravenna, Benevento, Roma, Torino, Napoli e Ferrara. Un'organizzazione nella quale ognuno aveva specifici compiti e ruoli, gli indagati, secondo l'indagine, sarebbero anche riusciti a  condizionare alcune partite, attraverso accordi verbali e impegni di carattere pecuniario, tra queste, un grave evento verificatosi in occasione di un incontro di calcio disputatosi al termine dello scorso anno a Cremona. Quanto avvenuto in occasione di quell'incontro ha permesso ai poliziotti di allargare l'indagine a diversi soggetti gravitanti nel mondo del calcio che, grazie ai contatti diretti ed indiretti, erano in grado di condizionare i risultati di alcuni incontri per poi effettuare puntate di consistenti somme di denaro attraverso i circuiti legali delle scommesse sia in Italia che all'estero.
Nel corso dell'operazione sono state eseguite anche una serie di perquisizioni nelle abitazioni degli indagati, in alcune ricevitorie e presso uno studio di commercialisti che  avrebbero consentito di acquisire ulteriori elementi utili alle indagini.

Il commento del giornalista Andrea Baccolini, di Radio Bruno e Nuovarete, al microfono di Riccardo Giannini.

ASCOLTA L'AUDIO
< Articolo precedente Articolo successivo >