Martedý 26 Maggio03:59:31
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

La Bella, la Bestia e l'Amore che supera le barriere

ASCOLTA L'AUDIO
Spettacoli Riccione | 11:14 - 31 Maggio 2011 La Bella, la Bestia e l'Amore che supera le barriere

Arte e cuore per superare le barriere. Mercoledì 1° giugno (ore 21,15) al Teatro del Mare di Riccione si conclude la prima edizione della rassegna Diversamente Theatro. Sul palco i ragazzi di Ali Blu con la loro speciale versione de La bella e la bestia.
Ali Blu è il progetto dell’Istituto Musicale di Riccione, in collaborazione con l’Azienda Usl e il Comune di Riccione, per la socializzazione di ragazzi e adulti con handicap attraverso la musicoterapia. Attivo dal 1999 – dal 2004 è diretto da Simona Neri – il progetto offre ai partecipanti la possibilità di ottenere attraverso la musica comprensione, presenza e risonanza da e verso gli altri.
Tutti gli spettacoli di Ali Blu si pongono nell’ottica di evidenziare attraverso la favola le difficoltà del quotidiano, che a volte è molto difficile da affrontare e non sempre alla portata dei ragazzi disabili. La bella e la bestia affronta il tema dell’amore e della necessità di essere amati comunque, oltre ogni aspetto bestiale si possa avere. Bestia non è l’unico personaggio ad avere una parte da scoprire per poter amare perché ognuno indossa qualcosa che va necessariamente tolto per far spazio all’amore. Belle, per esempio, per essere felice deve togliere la paura di amare qualcuno che è diverso dai canoni prescritti. Gastone deve abbandonare il super ego per capire che l’amore non è possedere ma donare. E tutti gli abitanti del castello hanno bisogno di un miracolo per tornare a essere umani e amare di nuovo in modo autentico. Miracolo che può fiorire solo dall’amore vero.
Questo andrà in scena perché questo accade nella realtà di ognuno dei ragazzi di Ali Blu, che hanno bisogno di amare e di essere amati nonostante la malattia abbia coperto e nascosto i loro pregi, le loro potenzialità, e li abbia limitati per troppo tempo dietro una maschera molto simile a quella di Bestia. Comunicheranno al pubblico tutti i loro sentimenti e le emozioni che hanno imparato a conoscere e affrontare con grande coraggio, vivendo la disabilità non come barriera ma come risorsa che conduce verso una normalità, come la possibilità di essere presi sul serio come uomini e donne.

Al microfono di Grazia Antonioli, Simona Neri responsabile del progetto

ASCOLTA L'AUDIO