Giovedė 28 Ottobre07:12:54
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

San Marino, in arrivo una stretta sugli autonoleggi

Attualità Repubblica San Marino | 21:09 - 30 Maggio 2011 San Marino, in arrivo una stretta sugli autonoleggi

E' in arrivo una severa stretta sugli autonoleggi di San Marino, il settore che negli anni ha dato più problemi d'ordine pubblico e di reputazione alal piccola repubblica. Lo ha annunciato il segretario all'Industria sammarinese, Marco Arzilli, presentando la nuova norma, un decreto delegato, approvato lo scorso 27 maggio in Congresso di Stato, che fissa regole più rigide e precise per il settore delle agenzie che noleggiano auto. Il decreto è il frutto di un lavoro di un anno, fatto anche di indagini e perquisizioni nelle sedi delle società, condotto in collaborazione tra la gendarmeria, l'ufficio di controllo sulle attività economiche, il nucleo antifrode della polizia giudiziaria e l'Agenzia di informazione finanziaria, sotto la spinta politica di Arzilli. Le indagini hanno portato alla luce una commistione tra autonoleggi e reati come usura, finte vendite, legami con la malavita organizzata e traffico di droga. Ed è stato solo l'inizio, una serie di segnalazioni sono state girate al Tribunale Unico di San Marino per l'apertura dei relativi fascicoli d'indagine. "Quando questo Governo si è insediato all'inizio del 2009 - ha detto Arzilli -, già sapevamo dei problemi legati al settore. Nel 2007, era stato emanato il regolamento Masi, ma evidentemente non è bastato e le situazioni irregolari si sono ripetute". Vendite 'travestite' da noleggio, contratti con non residenti a San Marino, di gran lunga superiori ai tre mesi previsti per legge e già rinnovati a data anticipata, contratti di noleggio con deleghe a condurre in bianco tra le principali irregolarità riscontrate durante le indagini, oltre all'evidente uso di auto noleggiate a San Marino per fini criminali. "Ci sono operatori seri - ha ricordato il ministro - ma c'é anche chi si è approfittato negli anni di una prerogativa giusta di San Marino". Ad oggi sono 80 le aziende con licenze da autonoleggio, di queste 76 sono società e sei hanno forma di attività individuali. Delle 80, 23 sono state sospese e non sono più operative, due erano attività individuali. Tra le 57 ditte rimanenti e autorizzate, l'attività di autonoleggio viene svolto realmente solo da 43, le altre lo prevedono nell'oggetto sociale ma non esercitano. Delle società operative, ben 33 risultano con zero dipendenti. Numeri elevati, quelli del parco auto gestito dagli autonoleggi sammarinesi. "Quando sono arrivato al Governo, nel 2008 - ha ammesso Arzilli - le auto erano 1080, oggi sono scese a 781 auto immatricolate senza conducente. Le auto di lusso nel 2008 erano 330, oggi sono 243". Sono le auto di lusso a noleggio, quelle sulle quali si sono concentrate le indagini del pool di Arzilli che ad un certo punto si è chiesto: "Come è possibile subire un furto di un'auto da 150mila euro e denunciandolo solo sei mesi dopo?". Quello delle auto di lusso dà anche un'idea del giro d'affari del comparto: 243 le vetture da almeno 100mila euro a disposizione degli autonoleggiatori sammarinesi. Il nuovo decreto Arzilli pone un freno proprio alla quantità di auto di lusso che un'agenzia di noleggio può vantare nel suo parco. All'articolo 9 infatti la norma prevede che "ogni operatore non può superare quale numero complessivo dei veicoli immatricolati ad uso noleggio, le 50 unità, nell'ambito di tale limite i veicoli di cilindrata superiore a 3000 cc non può superare le due unità". Il decreto introduce limiti come quello che prevede che i contratti di noleggio non possono superare i 36 mesi complessivi, e mai più di 90 giorni per un non residente. S'introduce poi la registrazione in tempo reale del contratto di noleggio su un sito apposito controllato dalle forze dell'ordine. Viene anche stabilito il capitale minimo per le società: 77mila euro che impone anche un sindaco revisore. Se non si rispetteranno queste regole entro il 30 settembre 2011, la società viene revocata. Importanti novità anche sulle autorimesse che obbligatoriamente dovranno essere a San Marino e non come è accaduto in questi anni in Italia, spesso a Rimini e dintorni. Stabiliti anche i criteri sui metri quadrati delle autorimesse in base al numero delle auto immatricolate. Inoltre ogni autonoleggio dovra avere almeno un dipendente, pena la sospensione della licenza per un anno.

< Articolo precedente Articolo successivo >