Lunedý 30 Gennaio09:42:53
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Cibo sintetico, tanti i Sindaci contrari. Coldiretti Rimini: "La minaccia è reale"

'Il cibo creato in laboratorio è pericoloso per la salute umana, dannoso per l'ambiente e molto inquinante'

Ambiente Rimini | 15:43 - 19 Gennaio 2023 Carne sintetica (foto di repertorio) Carne sintetica (foto di repertorio).

Nei giorni scorsi Sindaci e Assessori di numerosi Comuni della Provincia di Rimini, La Senatrice Spinelli e il Consigliere Regionale Montevecchi, hanno firmato la petizione lanciata da Coldiretti per proporre la legge che vieti la produzione, l'uso e la commercializzazione del cibo sintetico in Italia.

"Il cibo sintetico, creato in laboratorio è pericoloso per la salute umana, dannoso per l'ambiente e molto inquinante – spiega Guido Cardelli Masini Palazzi Presidente di Coldiretti Rimini -. Coldiretti invece dice sì al cibo naturale: a tutela dell'ambiente, sostegno della biodiversità e valorizzazione delle risorse naturali".

La petizione, che in questi giorni tanti cittadini di Rimini stanno firmando negli uffici di Coldiretti e nei mercati, è stata supportata e sottoscritta anche da numerosi sindaci del territorio: Mauro Giannini (Pennabilli), Stefania Sabba (Verucchio), Pietro Rossi (Montecopiolo), Leonardo Bindi (San Leo), Gianluca Ugolini (Coriano), Filippo Giorgetti (Bellaria-Igea Marina), Riziero Santi (Gemmano), Massimo Giorgi (Mondaino), Pasquale Novelli (Talamello), Ronny Raggini (Poggio Torriana), Dilvo Polidori (Saludecio), Goffredo Polidori (Sant'Agata Feltria), Stefano Zanchini (Novafeltria), Gian Marco Casadei (Montescudo-Montecolombo), Filippo Sica (Montefiore Conca).

"La minaccia è reale – prosegue Alessandro Corsini Direttore di Coldiretti RiminiDalla carne prodotta in laboratorio al latte 'senza mucche', fino al pesce senza mari, laghi e fiumi. Per non parlare del miele senza il volo delle api. Il cibo in provetta potrebbe presto inondare il mercato europeo. Una proposta, quella del cibo sintetico, guidata da investimenti di colossi dell'high tech, della chimica, della finanza e presentata strumentalmente come opportunità per l'ambiente e per la salute".

"Per quanto riguarda la carne da laboratorio – spiega Guido Cardelli Masini Palazzi - la verità che non viene pubblicizzata è che non salva gli animali perché viene fabbricata sfruttando i feti delle mucche, non salva l'ambiente perché consuma più acqua ed energia di molti allevamenti tradizionali, non aiuta la salute perché non c'è garanzia che i prodotti chimici usati siano sicuri per il consumo alimentare, non è accessibile a tutti poiché per farla serve un bioreattore, non è neppure carne ma un prodotto sintetico e ingegnerizzato. E' necessario - termina il Presidente di Coldiretti Rimini - sensibilizzare le famiglie e i consumatori dei rischi del passaggio a una dieta unica mondiale, dove il cibo sintetico si candida a sostituire quello naturale. Le tipicità tradizionali e i prodotti della nostra agricoltura rischiano di essere condannati all'estinzione e scomparire per sempre insieme al paesaggio rurale che siamo abituati a vedere e agli agricoltori che ne sono i custodi. Ringraziamo tutte le autorità locali civili e religiose che ci stanno fornendo il loro prezioso supporto, condividendo la nostra petizione all'interno dei Consigli, sostenendo il nostro Made in Italy"

Per difendere il cibo naturale e fermare l'avanzata del cibo sintetico è possibile firmare tutti i giorni negli uffici di Coldiretti e nei mercati di Campagna Amica.



< Articolo precedente Articolo successivo >