Domenica 29 Gennaio00:49:32
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Cinghiali, agricoltori contro la normativa regionale: 'Noi esclusi dalle battute di caccia'

Non sono più autorizzati a partecipare ai piani di controllo dei cinghiali

Attualità Emilia Romagna | 14:38 - 18 Gennaio 2023 Foto di repertorio Foto di repertorio.


Confagricoltura Forlì-Cesena e Rimini criticano l'ultima circolare della Regione relativa al contenimento della fauna selvatica:  secondo le nuove disposizioni, i proprietari e i conduttori di terreni agricoli non sono più autorizzati a partecipare ai piani di controllo dei cinghiali. Per farlo serve un doppio requisito, la licenza di caccia e l’aver frequentato il corso da coadiutore.  "L’interpretazione che la Regione ha dato alla norma adottata dal Governo Italiano vieta la partecipazione ai piani di controllo per il cinghiale agli agricoltori o ai proprietari di terreni in possesso della sola licenza di porto di fucile e dell'abilitazione per la caccia collettiva. Per le altre specie animali il divieto è rivolto invece a coloro con la sola licenza di porto di fucile", spiega una nota di Confagricoltura Forlì-Cesena e Rimini, che accusa: "si tratta di una decisione destinata a fare discutere e che colpisce la filiera agroalimentare che da tempo si batte contro il problema della fauna selvatica, in special modo gli ungulati e i lupi"

“Siamo rimasti particolarmente sorpresi quando siamo stati informati di questa decisione - commenta Alberto Mazzoni, vice presidente dell’associazione - anche perché arriva in un momento molto delicato per l’intero settore. I danni che gli animali selvatici causano agli agricoltori sono ingenti, così come è elevato il rischio di regionalizzazione dei nostri prodotti a seguito della PSA, la Peste Suina Africana. La preoccupazione è quella di subire un danno economico molto grave che andrebbe a colpire la competitività dell’intera produzione zootecnica regionale”.

“È sicuramente un duro colpo per l’intero settore regionale - ribadisce Andrea Antoniacciresponsabile della sezione suini di Confagricoltura Forlì-Cesena e Rimini - in quanto siamo di fronte a un fenomeno che nel nostro territorio, così come in tutto il Paese, presenta numeri preoccupanti e che deve essere in qualche modo arginato”. Confagricoltura cita i dati ISPRA, presentati durante il convegno “Fauna selvatica e territori: conoscere per gestire”: "in Italia si contano un milione e mezzo di esemplari di cinghiali che, dal 2015 al 2021, hanno causato una media annuale di danni all’agricoltura di oltre 17 milioni di euro." 

“Anche nelle nostre zone abbiamo avuto riscontro della proliferazione degli ungulati che, oltre ad arrecare danni alle colture, possono diffondere anche malattie tra gli altri animali, come ad esempio la Peste Suina Africana. Fortunatamente - commenta Antoniacci - siamo riusciti per il momento a prevenire questa situazione, ma un solo contagio potrebbe far saltare totalmente l’intera filiera”.

Per Confagricoltura Forlì-Cesena e Rimini diventa quindi fondamentale potersi riunire al più presto con le Istituzioni “per cercare di trovare un punto di incontro che possa accontentare tutte le parti coinvolte - aggiunge Mazzoni - Ben vengano infatti gli aiuti economici preventivi per l’acquisto di materiale come reti di protezione o diffusori acustici, così come le misure di sostegno per aiutare gli agricoltori colpiti, ma la decisione di ridurre il numero degli agricoltori coadiutori resta totalmente inspiegabile. Bisogna fare di più, con provvedimenti veloci e concreti, se si vuole arginare per tempo il problema ed evitare che l’intero settore possa andare ulteriormente in sofferenza”.


< Articolo precedente Articolo successivo >