Luned́ 06 Febbraio04:34:56
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Ciclista ucciso in incidente in Alta Valmarecchia, automobilista condannata

I fatti sono avvenuti nell'agosto 2018 sulla sp91, nel tratto che dalle Balze conduce a Casteldelci

Cronaca Rimini | 14:22 - 17 Gennaio 2023 I soccorsi sul luogo del sinistro I soccorsi sul luogo del sinistro.


Si è concluso il processo sulla morte di Gianluca Grossi, 54enne di Rimini e ciclista amatore, che perse la vita in un incidente stradale avvenuto il 21 agosto 2018 in Alta Valmarecchia, sulla strada provinciale 91, nel tratto che dalle Balze conduce a Casteldelci.

La donna di 54 anni, difesa dall'avvocato Raffaele Moretti e residente in Alta Valmarecchia, alla guida della Fiat Punto che si è scontrata con la bicicletta su cui era in sella Grossi, è stata condannata a otto mesi di reclusione, pena sospesa. La patente le è stata sospesa per un anno. La Procura aveva chiesto una condanna a 1 anno e 3 mesi di reclusione e 6 mesi in più, rispetto a quanto sancito dal giudice, di sospensione della patente.

Quella mattina del 21 agosto l'imputata, alla guida della sua automobile, stava percorrendo la strada provinciale 91, quando girò a sinistra, al bivio che conduce in località Senatello, finendo leggermente contromano per compiere la manovra, senza vedere Grossi.  L'uomo fu ricoverato in ospedale e a distanza di tre giorni dal sinistro avvenne il decesso. 

La famiglia non ha rilasciato dichiarazioni, ma ha fatto sapere di essere soddisfatta in parte del verdetto, esprimendo perplessità per i tempi lunghi della giustizia: quattro anni e cinque mesi prima che arrivasse la sentenza di primo grado. L'avvocato della difesa Moretti, che chiedeva la piena assoluzione, ha annunciato ricorso in appello.

< Articolo precedente Articolo successivo >