Domenica 29 Gennaio00:22:04
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Caro carburanti, Federconsumatori Rimini ‘serve una riforma strutturale della tassazione’

Gli aumenti pesano sulle tasche dei riminesi nella misura di +96 euro annui sulla benzina e ben +228 euro annui per il diesel.

Attualità Rimini | 09:25 - 12 Gennaio 2023 Immagine di repertorio Immagine di repertorio.

Caro carburanti ed inflazione, il 2023 si apre in salita per i riminesi. In una nota stampa Federconsumatori Rimini fa il punto della situazione e chiede la costituzione di Osservatori territoriali per il monitoraggio ed il contrasto alle speculazioni sul costo del carburante. Gli aumenti, secondo Federconsumatori, pesano sulle tasche dei riminesi nella misura di +96 euro annui sulla benzina e ben +228 euro annui per il diesel.

Federconsumatori chiede anche interventi urgenti ed adeguati per “calmierare i prezzi dei carburanti e farli tornare alla normalità. Occorre un’azione su più fronti, che riproponga, anche in maniera temporanea, lo sconto sulle accise”

Di seguito la nota stampa di Federconsumatori Rimini

Nella provincia di Rimini oltre ad una inflazione che oscilla strutturalmente fra l’11 e il 12 % si aggiungono con l’inizio dell’anno gli aumenti eccessivi dei prezzi dei carburanti che pesano sulle tasche dei cittadini Riminesi nella misura di +96 euro annui sulla benzina e ben +228 euro annui per il diesel.

Lo sconto sulle accise va ripristinato, ma serve una riforma strutturale della tassazione. Torna sul tavolo del Consiglio dei ministri la questione del caro-carburanti, mentre nei distributori si registrano andamenti discordanti dei prezzi, dopo l’abolizione dello sconto sulle accise, decisa improvvidamente e unilateralmente dal Governo.

Oggi, secondo i dati a nostra disposizione , la benzina si attesta mediamente a 1,82 euro al litro per il self, il diesel a 1,877. Stando alle segnalazioni ricevute, non mancano, soprattutto lungo la rete autostradale, alcuni distributori che applicano per la benzina prezzi al di sopra di 1,95 euro al litro e di 2,30 euro al litro per il diesel. Questi sono prezzi al di sopra del livello su cui si dovrebbero attestare, al di là dell’applicazione piena dell’accisa, il cui sconto è terminato il 31 dicembre, soprattutto se si comparano ai prezzi praticati in passato con condizioni simili a quelle attuali nei mercati petrolifero e valutario. Infatti, secondo i del nostro Osservatorio, tenendo conto sia dell’andamento delle quotazioni dei prodotti petroliferi, sia dell’andamento del cambio Euro/Dollaro, la benzina oggi dovrebbe costare almeno 8 centesimi di meno al litro e il gasolio ben 19 centesimi in meno.

Questo comporta un aggravio annuo, in termini diretti, per ciascun automobilista che effettua un rifornimento di 2 pieni al mese, di 96 euro nel caso della benzina, di 228 euro per il diesel. A ciò si aggiungono le gravi ricadute indirette che gli aumenti dei carburanti determinano sull’andamento dei prezzi dei beni (trasportati per oltre l’86% su gomma) e dei servizi, che secondo le nostre stime ammontano a circa 126 euro annui di spesa in più per famiglia.

I calcoli sono effettuati al netto della tassazione e mettono in evidenza come le speculazioni siano in atto da tempo, in forma più o meno acuta, come noi da mesi denunciamo, invocando, purtroppo ad oggi ancora inascoltati, la costituzione di appositi Osservatori territoriali per il monitoraggio e il contrasto del fenomeno: il ripristino pieno delle accise non fa che peggiorare una situazione già insostenibile.

Non basta mettere in campo controlli a tappeto, pur necessari sin da prima, ma servono provvedimenti urgenti e adeguati per calmierare i prezzi dei carburanti e farli tornare alla normalità. Occorre un’azione su più fronti, che riproponga, anche in maniera temporanea, lo sconto sulle accise, che stride fortemente con certe misure della manovra come quelle prese a favore dei club calcistici di Serie A o come l’iniqua flat-tax per le partite IVA e che metta nell’agenda di governo una seria riforma della tassazione sui carburanti fondata su 3 punti fondamentali:
- eliminazione di quote di accisa obsolete e ingiustificate, che portano il livello di tassazione italiano molto al di sopra degli altri Paesi europei;
- introduzione dell’accisa mobile, in grado di autoregolarsi al ribasso quanto le quotazioni dei prodotti petroliferi oltrepassino una soglia stabilita;
- scorporo dell’accisa dall’applicazione dell’IVA sui carburanti, l’ingiusta tassa sulla tassa.
Attraverso quest’azione combinata sarà possibile contenere in maniera significativa i prezzi dei carburanti e ridurre una tassazione che, oggi, arriva addirittura a circa il 60% del costo complessivo del carburante.

< Articolo precedente Articolo successivo >