Marted́ 07 Febbraio22:16:53
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Basket A2, derby amaro per RivieraBanca: L'Unieuro si impone 87-65

La capolista alla settima vittoria di fila. RBR frenata anche dalle condizioni imperfette di Johnson

Sport Forlì | 00:33 - 05 Gennaio 2023 Foto: ufficio stampa Pallacanestro Forlì - Massimo Nazzaro Foto: ufficio stampa Pallacanestro Forlì - Massimo Nazzaro.

In un clima da derby vero, davanti a 3.500 spettatori, con il popolo dell’Rbr salito in massa alla Unieuro Arena con 450 supporter, ad avere la meglio è Forlì. La Rivierabanca è costretta ad alzare bandiera bianca al cospetto della capolista (87-65 il finale) che centra la settima vittoria consecutiva. Con Johnson non in perfette condizioni (influenzato), l’Rbr prova a giocare la sua partita, ma il risultato finale riassume il gap attuale. Encomiabili i ragazzi del Barrio e il supporto dei tifosi biancorossi: che nonostante in difficoltà, non hanno mai smesso di incoraggiare la propria squadra nemmeno un secondo.
 
 L’Unieuro fa girare la palla d’insieme, la Rivierabanca prova a metterla sulla fisicità. L’avvio premia Forlì: apre il derby Valentini, poi Adrian va all’appuntamento col cesto con precisione chirurgica. Prima dall’angolo, poi da due, è subito repertorio completo per il 7-0. L’Rbr inaugura il match con tre punti di capitan Bedetti (8-3). Ma i forlivesi sentono già il desiderio di allungare, sul 14-7 del solito Adrian coach Ferrari a 3’50 si rifugia in time out. Si infiamma anche Gazzotti e i padroni di casa vanno a +10 (19-9). Ogbeide con un paio di affondi prova a caricare i suoi, ma anche Cinciarini dalla panchina ha mani bollenti: 26-16. Il quarto si chiude 26-18 con i liberi di Ogbeide.

Il secondo periodo è ancora a trazione Forlì. Sul 31-18 a firma Penna il momentaneo massimo vantaggio. Ma in un derby prevalgono gli extra stimoli: l’Rbr lotta con Anumba e la tripla di Landi del -6 (31-25) costringe coach Martino a rifugiarsi in time out al termine di un parziale riminese di 7-0. A ricacciare subito indietro i biancorossi ci pensano il solito Adrian e Pollone: 37-25 a 4’28. Qualche sbavatura di troppo di Johnson (non al top, causa influenza) e un tiro sbagliato aperto di Masciadri, rafforzano l’Unieuro: 41-26 e ancora 46-29 con Cinciarini. Il primo tempo termina 46-31.

Rimini ha un sussulto con Ogbeide e Bedetti per il -9 (46-37) di principio secondo tempo. Ma è un fuoco di paglia. Il divario nella ripresa si amplia: prima Gazzotti e poi Pollone allargano il gap. A 3’25 si registra il +20 (60-40) con il nuovo zampino del solito Adrian. Il protagonista del quarto è Luca Pollone, suo anche il canestro del 66-47 del 30’.

Nell’ultima frazione non si registrano particolari colpi di scena. L’Rbr prova a dare una scossa, ma prontamente Forlì risponde presente con la contro risposta. I visi dei riminesi si fanno mogi, Forlì invece va avanti per inerzia mettendo in mostra tutte le frecce a disposizione dell’arco di coach Martino: 87-65 il finale.

Prossimo impegno al Flaminio, per il 16° turno, domenica (8 gennaio) alle 18 contro la Tramec Cento.

Il tabellino

Unieuro Forlì – Rivierabanca Rimini 87-65


UNIEURO: Sanford 4, Cinciarini 12, Gazzotti 10, Valentini 18, Adrian 19, Pollone 10, Ndour, Radonjic 6, Penna 4, Benvenuti 4, Flan. All.: Martino,

RIVIERABANCA: Tassinari, Anumba 15, Meluzzi 3, Scarponi, Masciadri 4, D’Almeida 2, Bedetti 10, Sirri, Johnson 6, Morandotti, Ogbeide 18, Landi 7. All.: Ferrari.
 
PARZIALI: 26-18, 46-31, 66-47
 
 

< Articolo precedente Articolo successivo >