Luned́ 30 Gennaio23:16:38
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Calcio C, Cesena-Rimini. Gaburro: 'Partita di alto profilo agonistico, sarà un match intenso'

Il nuovo arrivato Rossetti tra i convocati. 'Il modulo? Ci siamo preparati a tutte le soluzioni'

ASCOLTA L'AUDIO
Sport Rimini | 15:41 - 07 Gennaio 2023 Marco Gaburro Marco Gaburro.


Ritorna il campionato dopo la sosta natalizia e per il Rimini c'è il derby di ritorno a Cesena, terza sfida della stagione dopo l'andata vinta dai bianconeri (0-1) e la sfida di Coppa Italia andata ai biancorossi (2-1). All'Orogel Stadium saranno duemila i tifosi biancorossi presenti in Curva Ferrovia.

Nel Rimini tutti disponibili per la prima volta in stagione tanto che mister Gaburro dalla lista dei convocati lascerà fuori Mencagli e Serpe e il tecnico più del solito fa pretattica segno che l'aria del derby si sente: non svela nulla se non la presenza di tre attaccanti.

Stante il silenzio di Gaburro che non smaschera i il suo undici, spazio alle supposizioni. Asono più le opzioni sul tavolo: in primis un 4-3-3 oppure un 3-4-1-2. Nel primo caso davanti spazio a Piscitella- Santini-Gabbianelli, nel secondo Vano e Santini con Gabbianelli alle spalle; a centrocampo Pasa-Del Carro-Rossetti (o l'ex Tonelli) mentre in difesa Allievi-Panelli-Tofanari con Haveri in linea o spostato sulla mediana. In caso di difesa a cinque, Regini andrebbe al centro della difesa con Allievi e Panelli e Tofanari sulla corsia destra. Gaburro è abituato a sorprenderci (vedi Fiorenzuola) e dunque ci sta tutto.Vedremo.

Tra i pali fiducia a Galeotti pur con Zaccagno pienamente recuperato (“Ho gia deciso, ma la decisione la tengo per me” glissa il tecnico).


Il tecnico biancorosso la vede così: “Sarà un derby di alto profilo agonistico prima di tutto, ma anche tecnico e tattico. Una partita che si gioca in una cornice particolare e che dà tanti stimoli, che sarà importante affrontare al meglio sotto il profilo delle mentalità. Dopo lo scivolone casalingo contro il San Donato, il girone di ritorno per noi inizia adesso - spiega – e di certo non ci siamo dimenticati quel ko. Il Cesena aggredisce molto tanto che è la formazione che commette più falli in attacco, verticalizza molto: ci sarà da battagliare. Sarà un match intenso. Il modulo: abbiamo lavorato su più soluzioni, difesa a quattro o a cinque Non sarà importante quello con cui inizieremo ma come sapremo cambiare in corsa”.


Le voci di mercato possono disturbare?

“Il mercato c’è per tutti, quindi questo è un mese un po’ particolare. Dipende dalle persone hai, non tanto dai calciatori: se hai persone con la testa sulle spalle, come pensiamo di avere noi, sanno staccare. Io vedo la squadra forse ancora più concentrata rispetto a un mese e mezzo fa”.


Che dice dell'arrivo dell'attaccante Mattia Rossetti?

“E' un giocatore che sta bene perché viene da un’esperienza in cui ha giocato, è un ragazzo che è entrato subito bene nello spogliatoio e mi pare di vedere anche in sintonia con i compagni. E' molto duttile, ha capacità di muoversi negli spazi e può ricoprire tutti i ruoli dell’attacco. Da quel punto di vista abbiamo fatto un acquisto che ci dà più soluzioni”.


Il Cesena ha sette punti in più del Rimini pur avendo segnato lo stesso numero di gol.

“Il Cesena, che ha una rosa sicuramente più costosa, ha fatto un percorso più netto rispetto a noi che abbiamo fatto in un periodo tre punti in cinque partite. E' giusto che loro siano davanti perché hanno fatto un girone d’andata nel complesso migliore del nostro, ma la classifica è molto corta”.

Intanto sabato prossimo Rimini-Entella si giocherà alle 14,30

ste.fe.



ASCOLTA L'AUDIO
< Articolo precedente Articolo successivo >