Martedì 07 Febbraio23:43:20
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Trentennale scomparsa Fellini e 50 anni di Amarcord: Rimini, 2023 nel ricordo del Maestro

'Vai Federico', il grido che risuonò nel silenzio in piazza Cavour, il giorno della sua scomparsa

Attualità Rimini | 12:34 - 04 Gennaio 2023 Federico Fellini ARCHIVIO Federico Fellini ARCHIVIO.



Il 2023, appena iniziato, sarà - per il Cinema e per Rimini - un anno molto Felliniano in cui andranno ad intrecciarsi diverse 'date simbolo' della parabola artistica e di vita del regista romagnolo a partire dal 30/o anniversario dalla sua scomparsa avvenuta il 31 ottobre del 1993. Allora, in una piazza Cavour gremita, a due passi da quel cinema Fulgor restaurato e riaperto nel 2017 in cui il giovane 'Maestro ' - seduto sulle ginocchia del nonno a guardare 'Maciste all'inferno' - scopriva la magia del grande schermo, il saluto più dolce e spontaneo era stato un grido, a risuonare nel silenzio: 'vai, Federico'.

Adesso la sua città - che nel frattempo ha dedicato al regista un 'museo diffuso', il 'Fellini Museum' che si snoda tra il quattrocentesco Castel Sismondo ideato tra gli altri dal Brunelleschi; Piazza Malatesta e il Palazzo del Fulgor - si appresta a celebrare un caleidoscopio di emozioni: il trentennale della morte di Fellini, appunto; i 60 anni dall'uscita nelle sale di '8 1/2'; i 70 anni dal debutto de 'I Vitelloni', i 40 anni de 'E la Nave va', unico film del cineasta presentato in anteprima a Rimini alla sua presenza e soprattutto, i 50 anni di 'Amarcord'.

Forse la pellicola più amata dal pubblico, capace di stregare i giurati dell'Academy con un nonno che parla in dialetto e si perde nella nebbia e quella espressione tutta romagnola 'Amarcord', 'Io mi ricordo', finita pure sui vocabolari e sulla Treccani a indicare "il ricordo, la rievocazione nostalgica del passato" e divenuta, non senza una vena di ironia, di uso comune nella vita di tutti i giorni. 






< Articolo precedente Articolo successivo >