Luned́ 06 Febbraio04:56:49
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Nuova scuola 'Fai bene' Rimini Nord, Benaglia: 'Progetto che impoverisce il territorio, ecco perché'

Il presidente del comitato turistico di Viserbella espone i suoi dubbi

Attualità Rimini | 12:52 - 30 Dicembre 2022 Archivio Archivio.



Stefano Benaglia, presidente del Comitato Turistico di Viserbella, ribadisce le proprie perplessità (in passato la definzione corretta sarebbe contrarietà) all'edificazione della nuova scuola primaria "Fai bene" su via Grazia Verenin. 

Evidenziato che il bando pubblicato dall'amministrazione comunale per la progettazione della nuova scuola "è una buona notizia", Benaglia chiede lumi sul progetto di quest'opera da 8,5 milioni di euro. 

Benaglia cita la delibera di giunta 73 del 24 febbraio 2015: “Il villaggio scolastico denominato scuola Fai bene, sostituirà e integrerà tre plessi scolastici esistenti e precisamente la S.E. Carla Ronci, la S.E. Anna Frank e la S.E. Case Nuove-Orsoleto. Tali scuole infatti manifestano gravi carenze funzionali e strutturali, con standard sottodimensionati rispetto alle esigenze della popolazione scolastica. Si evidenzia inoltre che i costi per realizzare le opere di riqualificazione degli immobili sarebbero inefficaci dal punto di vista funzionale della didattica".

Benaglia ribadisce i propri dubbi sulla centralizzazione (scolastica) di tutta Rimini Nord in un luogo solo, sulla chiusura delle scuole nel territorio, che "porta a un impoverimento sociale ed economico, in quanto attorno alle scuole elementari vivono bar, attività economiche e la vita sociale delle famiglie", ma anche sull'attualità del progetto,  ideato nel 2015. In merito, Benaglia sottolinea: "È vero che ci troviamo di fronte ad un inverno demografico, ma è anche vero che la zona di Rimini Nord nel brevissimo tempo avrà nuovi appartamenti e nuove famiglie che verranno a vivere nei centri abitativi della Corderia e a Torre Pedrera. Sono stati presi in considerazione questi fattori nella progettazione?".

L'appello finale di Benaglia è che l'amministrazione comunale chiarisca in un evento pubblico, aperto alla cittadinanza, "questi aspetti" confrontandosi anche con i cittadini "del quartiere più popoloso di Rimini".  "Queste decisioni impatteranno in maniera determinante le vite di molte famiglie per molti anni, per questo meritano una partecipazione alla discussione più ampia possibile", chiosa Benaglia.



< Articolo precedente Articolo successivo >