Martedì 07 Febbraio10:06:12
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Calcio Promozione, mister Reciputi: 'Il Bellaria ce la farà, in campo con grinta e determinazione'

'La squadra è giovane e si impegna, ma deve fare un salto di qualità sotto il profilo agonistico'

Sport Bellaria Igea Marina | 11:37 - 30 Dicembre 2022 Il tecnico del Belalria Igea Marina Paolo Reciputi Il tecnico del Belalria Igea Marina Paolo Reciputi.

Da buon marinaio qual è nella vita di tutti i giorni mister Paolo Reciputi ha il compito di traghettare il Bellaria alla salvezza. Lo ha chiamato la società al posto di Luca Fusi (“Ha svolto un lavoro importante in questi anni” dice Reciputi), lui è il jolly da giocare dei momenti difficili.

L'esperienza non gli manca avendo vinto un campionato da giocatore (a Bellaria dall'Eccellenza alla serie D) e da tecnico (al Santa Giustina doppio salto dalla Seconda alla Promozione), ad aver aver portato con una rimonta incredibile (nove vittorie di fila) il Bellaria nella gestione Nicolini (militava in Eccellenza) al playout poi sfortunatamente perduto ed infine agguantato la salvezza in Prima categoria, prima – scusate il gioco di parole - della fusione con l'Igea Marina.

Il “Reci” è stato il secondo di mister Farneti alla Savignanese, ha allenato la Juvenes Dogana approdata all'Europa League, per dieci anni lavora nel settore giovanile e in cui è stato anche in passato e quindi conosce pregi e difetti dei giovani che ora sono chiamati a misurarsi con un traguardo imprevisto alla vigilia della stagione: la lotta per la salvezza all''ultimo posto al giro di boa.

“Bisogna dare fiducia ai ragazzi, che sono tutti bravissimi dal lato tecnico e umano – le prime parole di Reciputi – si impegnano e sono molto disponibili da come ho visto in questi primi allenamenti. In prima squadra cambia la mentalità: vittoria e sconfitta hanno un sapore diverso rispetto alle partite settore giovanile, ogni punto è una conquista e noi dobbiamo farne tanti nel ritorno per raggiungere almeno i playout. Ecco, i miei giocatori devono calarsi in questa realtà. A livello agonistico cambia la musica, ci voglio grinta e determinazione e pazienza se il bel gioco, di cui io sono il primo fautore, talvolta viene meno. Penso che la squadra debba fare un salto di qualità sotto il profilo agonistico e queste due settimane di sosta ci aiuteranno a mettere a punto certi equilibri. Il lavoro da fare è immenso, ma io ho fiducia di poter raggiungere almeno i playout. E' chiaro che già alla ripresa non possiamo sbagliare: ci aspetta al Nanni lo scontro diretto contro il Villa Verucchio”.

Dai numeri si capisce che c'è il grande problema del gol.

“E vero, i numeri dicono questo, stiamo pagando l'addio di Bellavista che è approdato al Pietracuta e quello momentaneo di Meluzzi per motivi di studio: avrebbero potuto entrambi darci un po' di qualità in più ed esperienza. I nostri attaccanti – Vitali, Marchini, Giornali e Busiello – devono avere fiducia in se stessi. Io ce l'ho”.

ste.fe.

< Articolo precedente Articolo successivo >