Giovedý 02 Febbraio10:52:09
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Traffico di cuccioli dall'estero, tra i condannati un commerciante di animali di Rimini

Gli imputati del processo dovranno anche risarcire di 5000 euro Legambiente

Cronaca Rimini | 12:48 - 22 Dicembre 2022 I cuccioli sequestrati I cuccioli sequestrati.


Dovranno anche versare un risarcimento a Legambiente Emilia-Romagna di cinquemila euro, gli imputati condannati per associazione per delinquere finalizzata all'importazione di cani, maltrattamento di animali e truffa. Il Tribunale collegiale di Rimini ha chiuso con condanne, che vanno da un massimo di quattro anni e tre mesi a un minimo di un anno e undici mesi, l'inchiesta avviata nel 2019 dalla polizia di frontiera di Rimini. L'indagine, che aveva toccato diverse città, tra cui Rimini, sfociò in  sette misure cautelari, di cui tre mandati di arresto europeo per importatori e rivenditori di animali.

Secondo la polizia di frontiera era V.C., condannato a 4 anni e 3 mesi, ad essere l'importatore di cuccioli di razze pregiate in Italia attraverso la Slovacchia, ma nel business c'erano anche un commerciante di animali di Rimini (condannato a 2 anni e 11 mesi) e un 45enne di Napoli (condannato a 1 anno e 11) che forniva i documenti falsi per il trasporto e la vendita. L'indagine, era stata denominata 'Luxury Dog' e coordinata pm Paola Bonetti che per il principale indagato aveva chiesto in corso di processo una condanna a 8 anni di reclusione. Partita nel 2018 dalle denunce di una quarantina di padroni di cuccioli morti pochi giorni dopo la consegna, la Procura aveva quindi ipotizzato anche il reato di maltrattamento, ma secondo i legali difensori, tra cui gli avvocati Massimiliano Baietta, Cristian Guidi e Piergiorgio Tiraferri, non ci sono perizie a riprova del maltrattamento subito dagli animali durante il trasporto in Italia.


< Articolo precedente Articolo successivo >