Domenica 29 Gennaio00:54:59
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Verucchio, salta il circo degli eventi natalizi. Polemiche tra titolare Kiosko e l'amministrazione

La sindaca Stefania Sabba replica: 'Applicato regolamento. Abbiamo proposto location alternativa'

Attualità Verucchio | 14:15 - 14 Dicembre 2022 Verucchio, salta il circo degli eventi natalizi. Polemiche tra titolare Kiosko e l'amministrazione


Niente iniziative natalizie nel parco De Andrè di Verucchio, una manifestazione ricca di appuntamenti studiata dal titolare del Kiosko, Filippo Baschetti (Filippo Malatesta), attraverso l'allestimento di un tendone da circo con concerti, tombolone e altri eventi. 

L'amministrazione comunale in una nota spiega di non aver voluto negare la manifestazione, ribattezzata Parkodanno, che doveva svolgersi dal 23 dicembre all'8 gennaio, e di avere proposto come location alternativa il parcheggio pubblico sull'altro lato del locale, rispondendo alle accuse dello stesso Baschetti, criticato per aver annunciato e pubblicizzato l'evento "prima ancora di aver completato l'iter delle autorizzazioni". 

I tre motivi che hanno spinto l'amministrazione comunale di Verucchio a respingere la richiesta di organizzare l'evento nel parco De André, sono stati: l'incompatibilità della domanda, in alcuni aspetti, con l'atto di concessione del Kiosko; l'articolo 35  comma III del regolamento sulle aree verdi (“Le manifestazioni e le feste che richiedano l’impiego di strutture quali tende, palchi e simili, qualora le strutture debbano essere posizionate su superfici a prato, possono essere effettuate previo rilascio di specifica autorizzazione solamente qualora la loro durata non sia superiore a 5 giorni” ); il comma IV dello stesso articolo (“Il posizionamento delle strutture connesse allo svolgimento di manifestazioni o feste possono essere utilizzate per periodi di durata superiore, solamente qualora le strutture stesse vengano ubicate nell’ambito di zone pavimentate o inghiaiate”)

"Appurato che tutto questo rende incompatibile la manifestazione nel luogo indicato nelle istanze, l’amministrazione come detto ha immediatamente proposto di concedere agli organizzatori parte del parcheggio pubblico sull’altro lato del Kiosko pur di non far annullare l’evento. Altro non è nelle possibilità del Comune, tenuto a rispettare norme e regolamenti con tutti e per tutti", spiega la sindaca di Verucchio Stefania Sabba.

Sulle tempistiche, la prima cittadina spiega: "Il 4 novembre alla Pec del Comune è arrivata una semplice comunicazione sull’intenzione di svolgere la manifestazione di Capodanno, sottoposta all’attenzione della giunta il successivo 22 novembre. Trattandosi di semplice informazione-preavviso senza documentazione allegata, non si è però potuti entrare nel merito". "La richiesta formale all'amministrazione - prosegue -  è poi arrivata il 5 dicembre e tutti gli uffici si sono immediatamente attivati per quanto di relativa competenza: l’ufficio tecnico, che presiede la Commissione di Vigilanza, visti i tempi stretti (va convocata almeno 15 giorni prima dell’evento, che da calendario iniziava il 23 dicembre) il 7 dicembre ha intanto fissato il sopralluogo per il 22 in attesa della conclusione dei vari iter".

La sindaca puntualizza infine su un'altra accusa mossa dal titolare del Kiosko: "A tal proposito, preme precisare in chiusura che i due appuntamenti citati a riferimento nella sua ricostruzione, si sono svolti con tempi e modalità differenti da quanto descritto e nell’alveo di quanto consentito dalle stesse norme: per lo straordinario concerto di Ludovico Einaudi in occasione dell’ultimo Verucchio Festival il palco è stato infatti montato sulla stradina ai piedi del Parco IX Martiri ed è rimasto in loco comunque non più di cinque giorni, mentre la festa al Parco Marecchia della ditta in cui lavora l’oggi assessora alla cultura e al turismo al tempo neanche in amministrazione si è tenuta in un’unica giornata, il 31 luglio 2016 fra le 16 e le 23 dopo le finali dei tornei sportivi interni”.


< Articolo precedente Articolo successivo >