Domenica 29 Gennaio01:52:33
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Futsal RSM, arriva il primo successo del Cailungo

La Virtus risale al terzo posto, la capolista Fiorentino travolge il Murata

Sport Repubblica San Marino | 17:08 - 13 Dicembre 2022 Futsal RSM, arriva il primo successo del Cailungo

E' durato appena una settimana il terzo posto del Tre Fiori. La Virtus restituisce il favore alla banda di Bugli superando il Tre Penne ed approfittando anche del contemporaneo k.o. dei diretti rivali contro la capolista Folgore, sempre a punteggio pieno assieme al Fiorentino. La banda giallorossonera apre le marcature dopo nemmeno 60’’ di gioco, con capitan Bernardi. Veloce la replica del Tre Fiori, che pareggia con l’altro capitano in campo, Boschi. Ma anche la Folgore ha la risposta pronta: il 2-1 arriva a distanza di pochi minuti e porta la firma di Pellegrini. Dopo il cambio campo, Bernardi mette una distanza di sicurezza fra la sua squadra e quella avversaria, mentre il sigillo definitivo sul 10° successo della Folgore (in altrettante gare) è di Pellegrini, “doppiettista” proprio come il proprio compagno e capitano. La Virtus batte con lo stesso punteggio il Tre Penne. Anche a Fiorentino è un gol-lampo a sbloccare la sfida: lo segna Michelotti, cui Contato risponde nel giro di sette minuti. Morganti dà il nuovo vantaggio alla Virtus in chiusura di primo tempo; nella seconda frazione, sono Pascucci e Pazzaglia a completare uno score che regala alla banda di Pollini la risalita al terzo posto, superando come detto il Tre Fiori e staccando anche la Juvenes-Dogana, che frena dopo due vittorie di fila.


Era uno scontro diretto molto atteso quello fra i Biancorossoazzurri ed il Domagnano, distante da loro appena una lunghezza. Le distanze restano invariate dopo il 2-2 di Acquaviva. Apre Davide Dolcini al 7’, risponde Muraro una decina di minuti dopo. La Juvenes mette anche la freccia del sorpasso prima dell’intervallo con Santi Ugolini. Nella ripresa il forcing del Domagnano produce la seconda rete di serata di Davide Dolcini, utile ai Lupi per impattare una sfida delicata e per rimanere aggrappati al convoglio dei play-off diretti, cui guarda con molto desiderio anche La Fiorita, impegnata nel posticipo di giovedì col San Giovanni e in grado – in caso di vittoria - di accorciare sensibilmente le distanze rispetto alle formazioni che immediatamente la precedono in graduatoria. La fredda serata dedicata alla giornata numero 11, o per meglio dire alla gran parte del suo programma, produce anche il primo successo - ed in assoluto i primi punti - in campionato del Cailungo. Successo che arriva nel derby: la Libertas si ritrova sotto di tre reti dopo i primi 30’, effetto della doppietta di Gamba intervallata dall’acuto di Sabatino. I granata si riorganizzano dopo l’intervallo riuscendo a colmare buona parte del gap – segnano Taddei e Romuald – ma non a raggiungere un risultato che avrebbe permesso loro, quantomeno, di tornare a muovere la classifica dopo due k.o. filati. Per un Cailungo che cerca di avviare una faticosa risalita c’è un Cosmos che non riesce a dare seguito alla vittoria di sette giorni prima. I Gialloverdi cadono contro il Pennarossa, che riscatta immediatamente il k.o. con la Juvenes-Dogana e scavalca in un colpo solo Faetano (a riposo) e Tre Penne, portandosi al centro esatto della classifica, lontano cioè dalle acque più agitate. I Biancorossi di Casadei provano la fuga già nel primo tempo, chiuso sul 5-1 grazie alle doppiette di Rosa e Gasperoni e al centro di Podeschi.

Il Cosmos aveva provvisoriamente accorciato con l’autorete di Conti. Nella ripresa il Pennarossa produce il gol di Ciacci, mentre in casa Cosmos si accende Casadei, ma la doppietta del 22 non basta alla banda di Serravalle per evitare la settima sconfitta nel torneo. Giovedì il San Giovanni avrebbe l’opportunità di operare il sorpasso. Chi invece rimane alle spalle del Cosmos è il Murata, travolto dalla capolista Fiorentino. Finisce 15-0: brillano in particolare Busignani e Giacobbi, autori entrambi di una tripletta; due gol a testa per Rossini, Moretti ed Ercolani, uno invece per Ceccoli, Cevoli e Serra.

< Articolo precedente Articolo successivo >