Sabato 28 Gennaio03:08:52
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rimini, 'Iano Planco' d'oro alla dottoressa e missionaria 'Mara' Rossi

Dopo essersi avvicinata a don Oreste Benzi divenendone stretta collaboratrice, Mara si è laureata in medicina e ha scelto di vivere in Zambia come medico missionario

Attualità Rimini | 12:23 - 12 Dicembre 2022 Un momento della premiazione - foto Gallini Un momento della premiazione - foto Gallini.

“Sono felice ed orgoglioso di avere ‘Mara’ come amica e come concittadina, sono certo che la sua presenza ai tavoli delle Nazioni Unite per dare voce a chi non ce l’ha, per dare delle possibilità e delle prospettive agli ultimi, porterà buoni frutti. E’ con immenso piacere che sono intervenuto al premio Iano Planco d’oro assegnato alla dottoressa Maria Mercedes Rossi, conosciuta a Coriano con il diminutivo amichevole di ‘Mara’ - dichiara il sindaco di Coriano, Gianluca Ugolini all’indomani della premiazione avvenuta sabato al Grand Hotel di Rimini - Dopo essersi avvicinata a don Oreste Benzi divenendone stretta collaboratrice, Mara si è laureata in medicina e ha scelto di vivere in Zambia come medico missionario. Una donna carismatica e allo stesso tempo umile, un esempio di rettitudine e grande dedizione nel suo lavoro al fianco dei più deboli. L’incontro con Mara è stata l’occasione per invitarla a porgere i suoi saluti in Consiglio Comunale, luogo di rappresentanza democratica della comunità ”.


Il primo cittadino di Coriano Gianluca Ugolini non ha voluto mancare insieme al vicesindaco, senatrice Domenica Spinelli, alla quinta edizione del premio Iano Planco d’oro assegnato quest’anno al medico corianese Maria Mercedes Rossi, rappresentante della comunità Papa Giovanni XXIII al tavolo delle Nazioni Unite. La prestigiosa onorificenza è stata istituita dall’Ordine dei medici chirurghi e degli odontoiatri della Provincia di Rimini in segno di riconoscimento a figure sanitarie che si sono distinte per il loro impegno e la loro dedizione, in particolare a Maria Mercedes Rossi per il grande impegno umanitario, lavorando in prima linea nella lotta all’Aids.

< Articolo precedente Articolo successivo >