Sabato 28 Gennaio23:20:33
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Calcio C, Montevarchi-Rimini. Gaburro: 'Conservare la rabbia post Fiorenzuola'

Il tecnico: 'Partita difficile: avversario affamato e con il nuovo mister e campo pesante'

ASCOLTA L'AUDIO
Sport Rimini | 15:08 - 16 Dicembre 2022 Marco Gaburro in conferenza stampa Marco Gaburro in conferenza stampa.


Penultima partita dell'anno e ultima di andata per il Rimini sabato a Montevarchi contro la formazione di Banchini subentrato alla vigilia dell'ultimo turno (pareggio 2-2 ad Alessandria) e al penultimo posto insieme all’Olbia. Diretta sul canale di TeleRomagna (17,30, stesso orario di venerdì 23 al Neri).

In casa Rimini rientra dalla squalifica bomber Santini, ma sarà assente il difensore Panelli, squlificato. Fuori anche Mencagli, Serpe, De Rinaldis e Accursi, mentre Lo Duca va a giocare con la Primavera biancorossa. Tra i pali conferma per Galeotti, al centro della difesa ballottaggio Gigli-Allievi, a centrocampo possibile l'inserimento da subito di Tanasa per Pasa, in avanti Santini al posto di Vano.

“Dobbiamo dare continuità e cercare di fare il massimo nelle prossime due partite per chiudere l'anno solare nel migliore dei modi – spiega Gaburro – Siamo al giro di boa, la classifica è corta e girare a 28, 29 o 31 punti non è la stessa cosa. Dobbiamo fare in modo che questo numero sia il più alto possibile. Il campo sarà pesante e troveremo avversario affamato. Noi non dobbiamo dimenticarci di Fiorenzuola: la beffa ci ha fatto scendere in campo con una certa rabbia contro l’Ancona, dobbiamo ripeterci a Montavarchi”.

Che avversario trovate?

“Ad Alessandria ha giocato con il 3-4-3, ma Banchini utilizza di solito una difesa a cinque. Davanti hanno colpi,  Jallow è importante per il contributo realizzativo e l'apporto fisico. Bisogna stare attenti e cercare di trovare la chiave giusta: è una partita che ricalca quella di Recanati”.

State già facendo le valutazioni per la finestra di mercato di gennaio?
“Abbiamo due partite molto importanti da fare prima del mercato e su quelle dobbiamo concentrarci per valutare al meglio la potenzialità della rosa”.

ste.fe.



ASCOLTA L'AUDIO
< Articolo precedente Articolo successivo >