Luned́ 30 Gennaio21:56:53
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Basket A2, verso il derby: ecco l'OraSì Ravenna

In settembre in Supercoppa successo per 104-67. Avversari reduci da cinque sconfitte

Sport Rimini | 17:50 - 09 Dicembre 2022 Basket A2, verso il derby: ecco l'OraSì Ravenna


 
Nel 12esimo e penultimo turno di andata della serie A2 la RivieraBanca Basket Rimini ospita al Flaminio l’OraSì Ravenna, per un nuovo derby tutto romagnolo. Domenica, 11 dicembre, palla a due alle 18.

C’è già un precedente tra le due squadre in questa stagione, il 104-67 dello scorso 14 settembre in Supercoppa a favore dei biancorossi. L’OraSì arriva da un percorso in salita: è reduce da 5 sconfitte consecutive e l’ultimo hurrà risale a ormai più di un mese fa (6 novembre) nel successo casalingo contro Ferrara (90-74). La squadra produce 75,4 punti a match, ma con 83,9 punti subiti risulta la difesa che subisce di più nel girone rosso. Sono quattro i giocatori ad andare in doppia cifra di media: Lewis con 15,8 punti a match, Musso 14,9, Anthony 12,4 e Bonacini 11,1. La squadra è allenata da Alessandro Lotesoriere.
 
 
In cabina di regia c’è con il numero 0 l’americano Kendall Anthony, play rapido, bravo ad attaccare il ferro, al primo anno in Italia ma con un buon curriculum nelle seconde leghe europee. Al suo fianco Federico Bonacini, classe 1999, scuola Reggio Emilia, sta confermando ottimi numeri unite alle già note capacità difensive e alla sua velocità in campo aperto. Ha aggiunto anche precisione al tiro da fuori.

Il tre è una vecchia conoscenza del basket italiano, si tratta di Bernardo Musso, lo scorso anno protagonista a Chiusi: tiratore mortifero, è in grado di passare la palla con qualità e di essere un creatore oltre che un finalizzatore.

Sotto i tabelloni l’ala grande è Danilo Petrovic, lo scorso anno a Ferrara, quest’anno con un ruolo da protagonista nel campionato. Specialista del tiro da tre punti, può anche giocare da centro e aprire il campo. Con doppia dimensione pur essendo principalmente un tiratore da fuori. Il centro è Wendell Lewis, non aveva giocato contro Rimini in Supercoppa, ha forza a rimbalzo e capacità di giocare uno contro uno spalle a canestro. Sta producendo molto, anche statisticamente è il miglior realizzatore della squadra.

Dalla panchina c’è Nicola Giordano, classe 2003, ex azzurrino, brillante atleticamente, veloce in contropiede. Arriva da Orzinuovi, in A2. E’ stato poi aggiunto in corsa Tommaso Oxilia: lo scorso anno la sua stagione era stata interrotta da un infortunio al ginocchio, appena completato il recupero è alla terza partita. Si tratta di un tuttofare, con grande leadership.

Cambi dei lunghi Vittorio Bartoli da quattro, che però nella scorsa partita ha iniziato in quintetto, mostra sempre grande energia, era a Capo d’Orlando. Conclude la squadra Ivan Onojaife, un giocatore verticale, veloce, di cui bisogna temere la sua propensione a rimbalzo d’attacco.

< Articolo precedente Articolo successivo >