Mercoledý 08 Febbraio00:04:31
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Futsal RSM, la Virtus va k.o. ed il Tre Fiori sale al terzo posto

Successi di Cosmos, Folgore, San Giovanni e Juvenes Dogana. Martedì sera Tre Penne-Murata

Sport Repubblica San Marino | 16:01 - 06 Dicembre 2022 Futsal RSM, la Virtus va k.o. ed il Tre Fiori sale al terzo posto


Il Tre Fiori sfrutta appeno le possibilità offerte dagli incroci della 10° giornata. La Virtus cade contro il Fiorentino e così la banda gialloblù può issarsi al terzo posto, con una manciata di punti di vantaggio su Juvenes-Dogana, Virtus e Domagnano (a riposo) e con un sensibile margine su La Fiorita, sconfitta da una delle due capolista - la Folgore - per mano di uno scatenato ex.

Al Tre Fiori bastano meno di 60’’ per colpire la Libertas: ci pensa Verri, che poi si scatenerà con altre tre marcature personali. Nel mezzo i centri dei compagni Boschi e Cecchini, mentre la formazione granata – che nel finale si vede parare un tiro libero da Bizzocchi - era riuscita solo ad accorciare le distanze sul 2-0 con Tonini, ma non ad arginare un’ondata gialloblù che le costa la seconda sconfitta consecutiva e la retrocessione al terzultimo posto in compagnia del Murata, che questa sera tenterà di abbandonare le acque agitate affrontando il Tre Penne nel derby.

In vetta, solito lunedì vincente per le capolista Fiorentino e Folgore, sempre appaiate a punteggio pieno. I campioni in carica avevano davanti La Fiorita, superata grazie alla vena particolarmente ispirata di un fresco ex come Thomas Pellegrini, autore di tutte e tre le marcature giallorossonere. Il pivot di Max Spada inizia il suo show sul finire di primo tempo; l’1-0 resiste fino agli ultimi 4’ più recupero: in questo lasso La Fiorita riesce a pareggiare i conti con Stolfi, ma poi deve arrendersi ad altre due marcature di Pellegrini, utili alla banda di Falciano per proseguire nel suo percorso perfetto, mentre Montegiardino non riesce a dare seguito alla vittoria dello scorso turno e per questo perde terreno dalle prime quattro posizioni, quelle che daranno accesso ai play-off senza passare dal Turno Preliminare.


Brusca frenata anche per la Virtus, che dopo quattro risultati utili consecutivi è costretta ad un pesante 0-7. Il Fiorentino impiega 19’ per aprire i rubinetti del gol: il vantaggio è di Ercolani, che si ripete anche nella ripresa dopo gli acuti di Rossini, Moretti e Ceccoli. Il 6-0 è ancora di Moretti, pure lui “doppiettista”, mentre il punto esclamativo sull’imperiosa vittoria della banda di Michelotti lo piazza Zafferani sui titoli di coda. Virtus che con la sconfitta è costretta a subire il sorpasso del Tre Fiori e l’aggancio della Juvenes-Dogana, al secondo successo di fila. La banda di Zonzini non ha vita facile nel risolvere la pratica Pennarossa. Tuttavia è ottimo l’avvio di gara dei Biancorossoazzurri, avanti di due lunghezze dopo 11’ grazie a Giardi e Costantini. Il Pennarossa si rifà sotto con Rosa nella prima parte della ripresa salvo tornare sul -2 al 51’, quando segna Bacciocchi. Il doppio vantaggio dura però un battito di ciglia: in pochi secondi il Pennarossa accorcia nuovamente con Gasperoni e poi, nel recupero, avrebbe anche l’occasione di pareggiare i conti su tiro libero, ma il duello fra Elia Cecchetti e Gianpaolo Brighi viene vinto dal capitano della Juvenes-Dogana, che così può continuare la sua marcia verso le posizioni più prestigiose del Girone Unico. Il Pennarossa si ferma dopo due vittorie di fila e questa sera potrebbe essere scavalcato dal Tre Penne. Tuttavia, i Biancorossi di Casadei non abbandonano la condivisione di punti con il Faetano, sconfitto dal San Giovanni.

La banda rossonera – che non vinceva dalla terza giornata - prende il largo con la doppietta di Pierini intervallata dalla rete di Giglietti, prima che il Faetano riesca ad accorciare con Massimo Moroni, senza però trovare il modo e il tempo di invertire il senso della partita. Nel finale la squadra gialloblù perde per doppia ammonizione Marco Moroni, mentre al San Giovanni era capitato lo stesso al 36’, quando era stato espulso Zonzini. Il San Giovanni raggiunge a 7 punti la coppia formata da Libertas e Murata (che dovrà giocare stasera), mentre il Cosmos scavalca in un colpo solo le formazioni che condividono questa quota grazie al successo ottenuto a spese del Cailungo, sempre fanalino del girone con zero punti. Anche qui, pesa nel verdetto finale un tiro libero parato nei minuti di recupero.

Sugli scudi Vicini, che nega a Gamba la gioia del pareggio e della doppietta personale. In effetti il numero 16 era stato cofirmatario del tentativo di fuga del Cailungo nei minuti iniziali della sfida: al 5’ il Cailungo era sul 2-0 per effetto dei centri di Sabatino e, appunto, di Gamba. Prima del cambio campo, però, il Cosmos si riorganizza bene, al punto da colmare tutto il gap grazie alle reti di Mauri e Cervellini. Di Iuliani il punto del 3-2, risultato che sarà confermato al fischio di chiusura.



< Articolo precedente Articolo successivo >